Venerdì, 28 Gennaio 2011 14:22

Arte. Da Roma a Tel Aviv in memoria della Shoah

Scritto da

ROMA - Con il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia a Tel Aviv si inaugura il 1° febbraio 2011, alle ore 19.00, all’OLD JAFFA MUSEUM, nel contesto delle celebrazioni per la “Giornata della Memoria”, l’esposizione  IN MEMORIA DELLA SHOAH, organizzata dallo Studio S - Arte Contemporanea di Roma su progetto di Carmine Siniscalco per l’Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv.

L’iniziativa si ricollega alle celebrazioni del ventennale del crollo del Muro di Berlino organizzate a Roma nel 2009 e si propone di  drammaticamente documentare la tragedia della persecuzione nazista contro gli ebrei ed i diversi. Il Muro di Berlino è stato un tetro simbolo di lotta, separazione, sopraffazione e violenza, questo evento d’arte in memoria della Shoah parte dalla citazione della disumana “operazione etnica” firmata dal nazismo  per invitare a non dimenticare: bisogna ricordare non per alimentare sentimenti di vendetta ma per imparare ad amare.
Quindici sono gli  artisti che hanno aderito all’iniziativa, di nazionalità,  generazioni e tendenze diverse, dipingendo su tele con riporti fotografici di repertorio della Shoah  applicate su supporti lignei di cm. 80x100 e affiancando loro altrettante tavolette di cm 20x30: allegorici mattoni necessari ad erigere nel nome di un futuro migliore che può nascere soltanto dalla reciproca conoscenza e dalla tolleranza un  MURO DELL’AMORE  da contrapporre al  MURO DI BERLINO di triste memoria..


Lo Studio S desidera ringraziare l’Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv, nella persona del suo direttore Prof.ssa Carmela Callea , e cita di seguito in ordine alfabetico gli artisti che hanno aderito a questa edizione della mostra:  CESARE BERLINGERI, ENNIO CALABRIA, BILLIE S. FRALEIGH, GIANCARLA FRARE, ALEXANDER JAKHNAGIEV, ANA MARIA LAURENT, DANILO MAESTOSI, FLAVIA MANTOVAN, PIERO MASCETTI, FRANCO MULAS, MARIO PADOVAN, EROS RENZETTI, CLAUDIO SCIASCIA,  SINISCA e LUISA ZANIBELLI.  Le opere di Alexander Jakhnagiev, Flavia Mantovan e Mario Padovan sono state realizzate espressamente per questa edizione della mostra.
L’Istituto Italiano di Cultura presenta in Israele questa collezione di opere d’arte realizzate  in memoria della Shoah  per documentare il dramma del genocidio degli ebrei nei campi di concentramento nazisti :  iniziativa questa  che meriterebbe di essere estesa alla  partecipazione di altri artisti, israeliani ed internazionali, ebrei ed ariani, motivati dagli stessi sentimenti di commossa partecipazione che hanno spinto gli artisti coinvolti dallo Studio S a realizzare queste tavole, di disperazione e speranza. E’ questo un monito a non dimenticare ed un invito a contribuire tutti alla costruzione di un muro diverso da quello di triste memoria di Berlino,  un muro i cui mattoni siano  l’uno all’altro indissolubilmente uniti dal cemento della pace e dell’amore.

La mostra sarà inaugurata dell’Ambasciatore d’Italia in Israele LUIGI MATTIOLO,  dal Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura CARMELA CALLEA e dal Consigliere Culturale dell’Ambasciatore SIMONETTA DELLA SETA e resterà aperta al pubblico fino al 23 febbraio 2011.  Catalogo a cura dell’Istituto Italiano di Cultura.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]