Martedì, 07 Gennaio 2014 10:47

Vittoriano. Cezanne e gli artisti italiani del primo ‘900

Scritto da

ROMA - Paul Cèzanne non mise mai piede sul suolo italiano durante la sua sterminata carriera conclusasi nel 1906 eppure, ad un anno dalla sua dipartita, iniziò ad essere apprezzato ed universalmente riconosciuto da moltissimi artisti della nostra penisola come esempio di modernità, espressa in uno stile decisamente unico, condito da personali filosofie sul rapporto tra uomo-natura-oggetti e sulla relazione tra colore e forme.

Nessun museo italiano chiese mai di acquisire le sue opere ma, per fortuna, fu proprio un articolo di Ardengo Soffici, anche curatore della prima mostra italiana dell’impressionismo (1908), ad accorgersi di lui, mettendo particolarmente in rilievo la complessità ed originalità del suo percorso artistico e, in primis, delle idee innovative. Se pensiamo che molte di esse scaturirono da una totale immersione nel verde della campagna provenzale, dove – nei pressi di Aix e tuttora visitabile – risiedeva il suo atelier visitato dagli stessi colleghi italiani, non stupisce che gran parte della produzione cézanniana, specialmente le opere della maturità, scaturiscano dai sentimenti “di getto” rivolti alla natura circostante, dove ogni dettaglio vive di luce propria, non in continuo divenire, ma nel suo essere “qui e ora”. Compito dell’artista è dimenticare il passato e dipingere a seconda di ciò che l’occhio coglie: solo così si rivela la propria personalità. 

 

Questa concezione e filosofia di vita accompagna Cézanne nei vari momenti della sua carriera, producendo a volte momenti di “non finito” in pennellate rapide ed astratte (come ad esempio il celebre “Mont de Cengle”) , altre volte maggiore attenzione ai dettagli o alle luci di un particolare contesto (le “nature morte” che contagiarono inevitabilmente, alla pari dei paesaggi della memoria, l’essenzialità geometrica di Giorgio Morandi, il “realismo magico” di Antonio Donghi e il naturalismo emotivo di Carlo Carrà). Anche il colore, nelle sue tecniche di riproduzione come nella filosofia dell’unità compositiva (ovverosia il richiamo di una stessa tonalità nel dettaglio di un ritratto in primo piano e nello sfondo che lo incornicia), è maestro di espressione: lo si nota nel ciclo delle (e dei) “bagnanti”, e delle varie tipologie di nudo che tanto influenzarono le figure umane di Fausto Pirandello o Felice Casorati, sebbene in contesti e ragionamenti diversi, ma anche – seguendo le sue stesse affermazioni, nelle tecniche per riprodurre pittoricamente l’aria (elemento indispensabile nei suoi “en plein air”). Il rapporto tra volume, profondità e luce fu poi indubbiamente la costante che trascinò artisti come Capogrossi, Boccioni, Severini, Sironi, Melli e De Pisis verso una geometria a volte futuribile, a volte cubista: lavori e capolavori dalle connotazioni originali, riflesso del vigore delle singole personalità, oltre che specchio di specifici aspetti della nostra storia culturale, ma -  e questo è il senso dato da questa mostra al Complesso del Vittoriano - sicuramente intrisi di matrici ed “impressioni”cézanniane. 

Alla fine, o meglio all’inizio del percorso, ci sta tutto il tributo pittorico all’amico Paul da parte di Felice Trombadori: il suo “Paura della pittura” è un modo di omaggiarlo e ricordarlo, ma anche di continuare a “respirarlo” attraverso personali scelte stilistiche.  L’esposizione, curata dalla storica dell’arte Maria Teresa Benedetti e visitabile fino al 2 febbraio), consta di ben 100 opere, vantando la collaborazione e il supporto di numerosi musei di grande prestigio (da Parigi a São Paulo, da San Pietroburgo a Melbourne, etc etc) ed arricchendosi del contributo di rari materiali iconografici ed epistolari – dalle fotografie di Cézanne giovane conservate nella sua casa natale di Aix en Provence alle lettere scritte a mano provenienti da collezioni private, prestigiose Fondazioni ed archivi di Stato. Mostra da non perdere per un motivo primo fra tutti: cogliere, osservando, le relazioni, i contagi e le contaminazioni del pensiero artistico in evoluzione…

 

 

CÉZANNE E GLI ARTISTI ITALIANI DEL ’900 

a cura di Maria Teresa Benedetti

Comitato scientifico composto da Denis Coutagne, Rudy Chiappini e Claudio Strinati. 

Coordinamento generale: Alessandro Nicosia.

Roma – Complesso del Vittoriano

Via San Pietro in Carcere (Fori Imperiali)

5 ottobre – 2 febbraio 2014

Costo del biglietto: € 12,00 intero; € 9,00 ridotto

Orario: dal lunedì al giovedì 9.30 –19.30; venerdì e sabato 9.30 – 23.00; domenica 9.30 – 20.30

La biglietteria chiude un’ora prima

Per informazioni: tel. 06/6780664;   www.comunicareorganizzando.it/" www.comunicareorganizzando.it

Prevendite: 892.982;   http://www.listicket.it" www.listicket.it

Elisabetta Castiglioni

Giornalista e Promoter Culturale

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]