Martedì, 20 Maggio 2014 10:59

Fotografia. Veronica Gaido al Mia di Milano con 'Atman'. Intervista all’artista

Scritto da
Posidone, 2013, 100x120 Veronica Gaido Posidone, 2013, 100x120 Veronica Gaido

MILANO - Veronica Gaido, artista, ritrattista e fotografa di moda, sarà presente dal 23 al 25 maggio a MIA – MILAN IMAGE ART FAIR, la fiera internazionale d’arte dedicata alla fotografia, con il progetto “ATMAN”.

“ATMAN” è un caleidoscopio fluido di colori e di forme dai toni pastello che nasce dall’unione di due elementi fondamentali come l’anima e l’acqua: l’intento è mettere a fuoco la realtà perduta per abbandonare il peso delle delusioni vissute e cominciare un nuovo viaggio verso la salvezza dell’anima.Il progetto “ATMAN” nasce nel 2012 da un tour tra India, Bangladesh e Africa per poi diventare una mostra itinerante curata da Enrico Mattei e Roberto Mutti, che toccherà Pietrasanta, Milano, Londra, Parigi e New Delhi. Prima dell’inizio di MIA – MILAN IMAGE ART FAIR l’artista presenterà il progetto “ATMAN” in una preview che si terrà giovedì 22 Maggio alle ore 18.00 presso lo spazio espositivo della Galleria Photo&Contemporary (Central Point, stand 20) - SUPERSTUDIO PIÙ, Milano.

Raccontaci i tuoi esordi. Quando hai pensato per la prima volta che avresti fatto la fotografa?

Ho avuto il pallino per la fotografia fin da quando avevo 12 anni e mia madre mi regalò la prima macchina fotografica, una Nikon 601 che conservo ancora oggi. Ricordo che fotografavo tutto quello che mi capitava davanti, dai nonni al fruttivendolo. Già a quell’età iniziai a lavorare come assistente di un fotografo di Massa (la sua città ndr) per cui trascorsi l’adolescenza in camera oscura ad apprendere i primi rudimenti e ad imparare a destreggiarmi con le luci. Dopo il Liceo artistico mi sono iscritta all’Istituto Italiano di Fotografia e terminati gli studi iniziai a lavorare al Superstudio13 di Milano.

Che tipo di fotografia ti interessa?

Mi piace molto andare a rivedere le vecchie fotografie, di Brassaï per esempio, per studiarne la composizione anche se nel tempo si è evoluta tantissimo. Mi piace anche prendere spunto dalle vecchie fotografie di paesaggio realizzate dai fotografi di città. Trovo interessante indagare la società dei primi nel ‘900 e individuare gli elementi che la differenziano da quella contemporanea.

Cos’è per te la fotografia?

È il mio modo di vivere. Attraverso le immagini cerco di indagare lo stato d’animo delle persone. È anche un modo per documentare il passaggio del tempo. Nella mia fotografia sono molto lineare e tendo a suddividere tutto in linee verticali e orizzontali anche se poi nella realtà sono una persona disordinata; in questo senso la foto rappresenta un ordine in successione attraverso il quale attesto il cambiamento.

Parlaci di Atman, il progetto che sarà presentato al Mia di Milano dal 23 al 25 Maggio.

Atman che in sanscrito significa “soffio vitale” è un lavoro realizzato tra India, Bangladesh e Africa che nasce dall’esigenza di indagare l’anima attraverso il movimento, inteso non solo come spostamento fisico ma anche come abbandono dei piaceri e scoperta di una nuova vita. Le immagini realizzate rappresentano la ricerca di quello stato di serenità imperturbabile in cui si è in grado di dominare le passioni con la ragione e attraverso il quale si arriva all’Atman, cioè all’essenza.

Quindi in Atman il viaggio assume la funzione portante di vero e proprio maestro di vita. Invece per te cosa rappresenta?

Il viaggio per me è libertà oltre che un modo per meditare. Adoro muovermi da sola e durante i miei viaggi riesco a trovare quella calma e quella serenità indispensabili per il mio lavoro.

Il nome di uno scrittore, di un regista e di una città.

García Lorca, Fellini, New Delhi.

Progetti futuri?

Nel 2014 decorre il Centenario dalla fondazione del Comune di Forte dei Marmi per cui sto lavorando a questa ricorrenza. Nel nuovo progetto, il cui nome è in fase di definizione, ho realizzato le foto con un drone perché a differenza di Atman, in cui mi interessava penetrare l’anima indagandone le sfaccettature, qui volevo avere una visiona distaccata e lo sguardo dall’alto mi sembrava perfetto.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]