Giovedì, 16 Ottobre 2014 15:55

Arte. “Van Gogh, l’uomo e la terra” in mostra a Milano

Scritto da

 

Il maestro olandese protagonista di una rassegna a Palazzo Reale con oltre 50 opere

MILANO – A Milano Palazzo Reale si apre all’opera di Vincent Van Gogh, ospitando dal 18 ottobre 2014 all’8 marzo 2015 l’esposizione Van Gogh, l’uomo e la terra. La curatrice Kathleen Adler ha ideato un percorso narrativo del tutto inedito, focalizzato sulle tematiche legate a Expo 2015: la terra e i suoi frutti, la vita rurale legata al ciclo delle stagioni. E nessuno meglio del pittore olandese è riuscito con la sua arte a raccontare il mondo contadino, mettendo al centro della tela i contadini e i luoghi della terra.

«Voglio raggiungere – afferma l’artista – il punto in cui la gente dirà osservando il mio lavoro: quell’uomo aveva sentimenti davvero profondi». E, come un reporter ante litteram della società del XIX secolo, vuole riuscirci dipingendo, con semplicità e purezza, il lavoro e la vita dei lavoratori nei campi, illustrando la verità più profonda della condizione umana. Scelta, questa, rivoluzionaria, in un’epoca in cui la maggior parte degli artisti decidono di ritrarre il paesaggio urbano nel pieno delle trasformazioni industriali, fra cui, soltanto per citarne alcuni, i neoimpressionisti Seurat e Signac.

Dai primi disegni olandesi ai capolavori realizzati nei 14 mesi ad Arles, dove dipinge oltre 200 opere, Van Gogh racconta l’universo degli umili, presentandoli con dignità e forza. Ci riesce utilizzando il colore con una modalità inedita, dove la pittura sembra fuoriuscire dalla tela, regalando alla composizione una forza vitale davvero unica. Avvicinandosi agli oltre 50 lavori esposti a Palazzo Reale, il visitatore noterà come Van Gogh abbia applicato sulla tela masse di brillanti colori ad olio, creando un effetto marcato e drammatico.

Van Gogh pensava che per trasmettere le proprie emozioni avrebbe dovuto distorce e contorce ogni figura: «Se le mie figure fossero realistiche – pensa – sarei disperato. Desidero produrre queste distorsioni, queste deviazioni, questi rimodellamenti e cambiamenti della realtà, così che possano diventare più veri della precisa verità».

Cuore dell’esposizione le opere provenienti dal Kröller-Müller Museum di Otterlo, come L’autoritratto del 1887, il Ritratto di Joseph Roulin del 1889, Vista di Saintes Marie de la Mer del 1888, la Testa di pescatore del 1883 e Bruciatore di stoppie, seduto in carriola con la moglie del 1883. A questi si aggiungono i lavori provenienti dal Van Gogh Museum di Amsterdam, dal Museo Soumaya-Fundación Carlos Slim di Città del Messico, dal Centraal Museum di Utrecht e da collezioni private normalmente inaccessibili.

L’esposizione gode anche di una mise en scène d’eccezione: l’archistar giapponese Kengo Kuma, classe 1954, ne ha curato il progetto di allestimento.

La mostra, promossa dal Comune di Milano – Cultura, prodotta e organizzata da Palazzo Reale di Milano, Arthemisia Group e 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE, è patrocinata dall’Ambasciata del Regno dei paesi Bassi a Roma e inserita negli eventi ufficiali del Van Gogh Europe, l’istituzione di recente costituzione sostenuta dal governo olandese a tutela e promozione dell’opera di Van Gogh.

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]