Mercoledì, 27 Aprile 2011 16:23

Povera Terra. A Roma il Requiem dell’artista Inés Fontenla

Scritto da

ROMA - Nella chiesa sconsacrata di San Filippino in via Giulia, a Roma, apre una piccola mostra capace di sollevare interrogativi e considerazioni non solo sull’arte ma sulla società contemporanea e sulle possibilità di cambiarla.
L’artista argentina Inés Fontenla presenta la sua personale dal titolo “Requiem Terrae”, dedicata alla trasformazione politica e alla degenerazione fisica del Pianeta.


In un luogo che ancora mantiene l’aura di sacralità, s’impone con forza il silenzio nel guardare l’istallazione, un grande tappeto di terra nuda su cui è adagiato il planisfero ridotto in pezzi, frantumato dalla violenza umana e dalla forza della natura. Accanto a questo, un monitor ci mostra una video animazione che ripercorre - stavolta con un taglio apparentemente ludico - la storia del Mondo attraverso i mutamenti intercorsi nell’ultimo secolo.
In questi giorni di sconvolgimenti socio-politici nel Nord Africa, di guerra in Libia e di catastrofi naturali e nucleari in Giappone, l’opera di Inés Fontenla impone una nuova riflessione sul ruolo sociale dell’arte.
Lo sguardo sull’attualità, il tentativo di comprensione della realtà e del raggiungimento della verità si concretizzano in un lavoro evocativo che cita la Carta della Terra (documento guida ratificato dall'Unesco nel 2000) e stimola il visitatore ad un “mea culpa”. Appare evidente, infatti, che il progetto intende sollevare la coscienza critica dei singoli individui in quanto responsabili - diretti o indiretti - di un sistema che sfrutta risorse naturali ed economiche fino alle estreme conseguenze, ambientali e socio-politiche.


Questa mostra, che segna un altro capitolo nella storia dell’arte ecologista, segue un’altra opera che l’artista aveva già dedicato al tema: “Il cielo alla fine del mondo”, frutto di una sua lunga ricerca sul buco dell’ozono. In verità tutta la produzione di Inés Fontenla è legata alle tematiche sociali, da sempre infatti il suo approccio all’arte mantiene un lucido taglio politico che si fonde con un linguaggio poetico e al contempo incisivo, mai disturbante ma capace di questionare sulla contemporaneità a partire dalla fine delle utopie, per citare un suo lavoro del 2002.

 

Titolo mostra: Requiem Terrae
Artista: Inés Fontenla
Curatore: Lucrezia Cippitelli
Sede: Chiesa di San Filippino
via Giulia 134 - Roma

Inaugurazione: 28 aprile  ore 18.00
Durata: 28 aprile – 20 maggio 2011

Ingresso: libero
Giorni e orari di apertura: dal lunedì al sabato dalle 17.00 alle 20.00 o su appuntamento

Per visita su appuntamento:
Assistenti all’organizzazione: Chiara Pirozzi     cell: 347 1704396

Daniela Cotimbo cell: 340 1556427
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ufficio stampa:  Rita Salvadei
cell: 339 8954865 / e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Con il contributo dell’Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia e il patrocinio dell’IILA – Istituto-Italo Latino Americano e del MLAC- Museo Laboratorio di Arte Contemporanea dell’Università di Roma La Sapienza.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Mamma è tante cose

Cos’è una mamma?  Per chi non l’ha avuta è una stella. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]