Giovedì, 21 Maggio 2015 15:56

Fotografia e integrazione. Fa tappa a Roma 'We, Prato', sui cinesi in Italia

Scritto da

ROMA - E' Shoot4Change ad ospitare il 22 maggio la presentazione a Roma di 'We, Prato', il progetto fotografico e di ricerca sociale di Francesco Arese Visconti, promosso dalla Webster University di Ginevra, su un tema sociale finora poco approfondito: quello dell'integrazione dei figli degli immigrati cinesi in Italia (la cosiddetta seconda generazione), e del loro rapporto con i coetanei di origine italiana.

La Chinatown di Prato - che insieme a quelle di Roma e Milano è la più grande ed importante in Italia - fa così da cornice a una serie di ritratti fotografici di 16 ragazzi under 29: la particolarità è che i volti dei soggetti ritratti sono nitidi, mentre il contesto è sempre fuori fuoco, grazie alla tecnica di Scheimpflug che con macchine fotografiche di grande formato permette di mettere a fuoco solo alcune aree dell’immagine. I ritratti sono in bianco e nero secondo le tecniche fotografiche tradizionali su pellicola ai sali d’argento successivamente stampata su carta baritata in camera oscura

Agli scatti si accompagna una ricerca psicosociale che si compone di interviste sul senso di appartenenza e di identità delle nuove generazioni, e di un reportage video.

Il progetto, da cui è nato anche l'omonimo libro edito dalla Edizioni Sui, è stato in mostra a Ginevra per poi rientrare nel filone di ricerca sociale della Webster University - della quale Arese Visconti è docente - che porta il nome di 'Hidden Identity Project – The Italian-Chinese community in Prato'.

Il lavoro dimostra come i figli degli immigrati cinesi sognano un futuro diverso e si impegnano per riuscire a costruirlo. Se le prime generazioni di immigrati scelgono di aprire quelle attività commerciali che vengono ormai inevitabilmente associate alle comunità cinesi - anche in forte contrasto con il tessuto produttivo tradizionale italiano - , i figli degli immigrati, spesso più integrati, escono dal gruppo alla ricerca del proprio ruolo del mondo, anche rifiutando di contribuire all'impresa di famiglia.
Studiano in italiano, parlano l’italiano, mangiano italiano. Nella maggior parte dei casi i ragazzi cinesi nati a Prato (così come in Italia, e in Europa) si sentono a casa.
'We, Prato' è così una narrazione visuale del processo di integrazione tra culture, che nell'epoca della competizione-contaminazione globale avviene molto più velocemente rispetto al passato.
E se non contribuisce a sfatare i pregiudizi secondo cui i cinesi sono tutti uguali e - fatto ancora più strano - non muoiono mai, ne mette sicuramente in dubbio altri, per i quali i cinesi sono ovunque, sono un gruppo chiuso e non solo: non vogliono imparare la nostra lingua,  vengono in Italia, si arricchiscono e poi tornano a casa. 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Amore Illusione

L’amore illusione... possederlo farlo nostro!

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

La cultura dentro e fuori l’Accademia. Intervista a Julia Draganović

Abbiamo incontrato la neodirettrice di Villa Massimo, Accademia tedesca a Roma. Con lei abbiamo parlato di promozione culturale, del senso della Istituzione che guida e di come la cultura sia...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Vaccini Genetici: Una tecnologia da tenere d'occhio

La rivista di divulgazione "Scientific American" ha incluso i vaccini genetici nelle "Dieci tecnologie da tenere d'occhio". La ricerca di nuove strategie di vaccinazione deve tenere in considerazione non solo l'efficacia...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]