Giovedì, 12 Maggio 2016 09:40

Fotografia. Roberto Covi, scrivere con la luce

Scritto da

Al Madama (Milano), mostra fotografica dal 15 maggio al 30 giugno 2016

“Roberto Covi is currently one of the most interesting photographers in Italy. His bold ideas, his courages techniques and his freedom of thought, all aid him in delivering new, exciting images to the viewers” (Design42Day)

MILANO - Per tutti gli appassionati della fotografia d’autore la personale di Roberto Covi al Madama Hostel & Bistrot di Milano è un appuntamento da non perdere. Le sue fotografie sono come racconti che prendono per mano l’osservatore e lo portano in territori rarefatti, metafisici e onirici. Le immagini di Roberto Covi sono istanti fermati nel tempo e nello spazio che descrivono ambienti, luoghi e situazioni diverse e distanti. La sua poesia visiva potrebbe essere descritta come quella di un romanziere che scrive con la luce. Le fotografie di Roberto Covi sono luce pura e astratta sia per la moda, l’universo fashion sino al landscape più estremo. Una delle peculiarità di Covi è quella di essere un artista completamente libero da schemi, barriere e confini stilistici. Ogni sua immagine è come se fosse una porta, un ingresso verso un’altra dimensione fatta di luci e ombre che è la metafora dell’inconscio e della psiche umana. Abbiamo incontrato Roberto Covi nel suo appartamento milanese per raccontarci il suo modo di intendere la fotografia.

fotocovibis.jpg

Cosa pensi, un attimo prima di scattare una foto?

Ascolto il suo via, nient’altro.

Quanto è importante per te la composizione di un’immagine?

Molto. A volte una foto c’è, a volte no. Ma è solo la mia verità, e ogni fotografo, per me, dovrebbe possederne una propria.

Quale criterio hai scelto per la selezioni delle foto della tua personale?

Per la prima volta espongo mie foto di moda, anche se non solo. Ho scelto quelle che mi raccontano, pur nel limite del numero di immagini esposte. 

Quali sono i fotografi che hanno influenzato la tua carriera?

Mi ha influenzato molto il cinema, Paris Texas di Wim Wenders, l’infernale Quinlan di Orson Welles, Bleade Runner di Ridley Scott,  in fotografia su tutti  Cartier Bresson, e poi Avedon, Bailey, Giacomelli, Luxardo…

Roberto Covi, mostra fotografica

www.robertocovi.com

Madama Hostel & Bistrot

Via Benaco 1 – 20139 Milano

Telefono: 366-3107485

http://www.madamahostel.com

Fermata metro Linea Gialla Lodi

Inaugurazione: 15 maggio 2016, ore 18-21

Chiusura: 30 giugno

Ingresso gratuito

 

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]