Lunedì, 06 Febbraio 2017 18:16

Fendi presenta la Mostra "Matrice" di Giuseppe Penone - 17 opere dagli anni settanta ad oggi

Scritto da

E' stata inaugurata il 27 gennaio 2017  ed  è la prima tappa di un itinerario tra arte, storia e contemporaneità voluto da Fendi , che ha destinato ad esposizioni e installazioni il pianterreno del Colosseo Quadrato.

La personale di Giuseppe Penone (aperta fino al 16 luglio) ribadisce l'impegno di Fendi nel sostenere le maggiori espressioni della cultura odierna . «Siamo orgogliosi di collaborare con Giuseppe Penone - afferma Pietro Beccari, Presidente e Amministratore Delegato del brand - in questa prima mostra ambientata nel simbolo delle nostre radici romane che, come promesso, continuiamo a rendere fruibile ai romani e ai turisti di tutto il mondo. Penone è un artista italiano di fama internazionale con il quale condividiamo la passione per la creazione, per il più eccelso savoir-faire e per l'incessante dialogo tra tradizione e modernità, valori cardine di Fendi».

  Penone, uno dei più grandi scultori viventi, legato all'Arte Povera, con le sue sculture antropomorfe che intrecciano alberi a reperti archeologici, marmi a calchi di tronchi d'albero in bronzo, è del parere che la natura non sia inferiore all'uomo, anche se lui tenta di assoggettarla con i suoi artifici. 

L'intera Mostra è concepita in armonia con gli spazi del Palazzo della Civiltà del Lavoro e prende il titolo da una delle opere più spettacolari di Penone "Matrice" , ( 2015), una scultura lunga 30 metri in cui un tronco di abete è stato scavato seguendo un anello di crescita che porta così in superficie il passato dell'albero la sua storia e le sue trasformazioni nel tempo. "Gli albero ci appaiono solidi, ma se li osserviamo attraverso il tempo, diventano materia fluida e plasmabile. Un albero è un essere che memorizza la sua forma e la sua forma è necessaria alla sua vita, quindi è una struttura scultorea perfetta, perchè ha la necessità dell'esistenza" ha spiegato l'artista. 

Questo evento si snoda intorno a una selezione di lavori storici di Giuseppe Penone . Si tratta di quindici opere dagli anni '70 a oggi, in gran parte inedite in Italia. Sono stati  selezionati personalmente dal curatore Massimiliano Gioni (direttore del New Museum di New York) comprendono opere storiche, contemporanee e pezzi realizzati appositamente.

La personale anticipa  l'installazione permanente dell'artista: Fendi ha infatti deciso di regalare a Roma un'imponente opera d'arte di Penone, Foglie di Pietra, due maestosi alberi di bronzo rispettivamente alti 18 e 9 metri, che tengono sollevato nel vuoto un blocco di marmo da 11 tonnellate commissionata dalla stessa maison. Sarà collocata in primavera a Largo Goldoni, davanti Palazzo Fendi. 

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Speech Art

Quattro voci per una Biennale. Speciale Speech Art Venezia 2019

In occasione dell’ultimo week end di apertura della 58ma Esposizione Internazionale d’Arte – la Biennale di Venezia, ci poniamo alcune domande tentando una veloce analisi del progetto curatoriale di Ralph...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]