Domenica, 21 Gennaio 2018 11:00

Al Macro di Roma la mostra sui Pink Floyd

Scritto da

Dal 19 gennaio al 1 luglio si potrà visitare "The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains”. Retrospettiva epocale a cinquant'anni dalla nascita di uno dei gruppi musicali più innovativi e influenti della storia: a Roma dopo Londra, in esclusiva per l’Italia, la mostra The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains

Dopo l’enorme successo del debutto di qualche mese fa al Victoria and Albert Museum di Londra, che ha visto la partecipazione di più di quattrocentomila persone, la mostra si sposta al Macro di via Nizza per la prima tappa internazionale.Presentata dalla sindaca Raggi con il vicesindaco e assessore alla Crescita Culturale Luca Bergamo, insieme a due membri fondatori della band (Roger Waters e Nick Mason), l’esposizione al Macro, Museo d'Arte Contemporanea di Roma di via Nizza, resterà aperta fino al 1°luglio. Ideata da Storm Thorgerson e sviluppata da Aubrey ‘Po’ Powell di Hipgnosis, che ha lavorato in stretta collaborazione con Nick Mason (consulente della mostra per conto dei Pink Floyd), The Pink Floyd Exhibition: Their Mortal Remains è un viaggio audiovisivo nei cinquant'anni di carriera di uno dei più leggendari gruppi rock di sempre e offre una visione inedita ed esclusiva del mondo dei Pink Floyd.

Il colossale allestimento del Victoria and Albert Museum di Londra è stato il più visitato di sempre nel suo genere. In esclusiva per l’Italia il Macro ospita l’esposizione e lo stesso Mason ricorda che proprio al Piper, a meno di un chilometro di distanza, ebbe luogo uno dei primi concerti dei Pink Floyd in Italia, nell’aprile del 1968. La mostra racconta quale fu il ruolo della band nei cruciali passaggi culturali dagli anni sessanta in poi. Grazie al suo approccio sperimentale, che rese il gruppo inglese esponente di spicco del movimento psichedelico che cambiò per sempre l’idea della musica in quegli anni, la band venne riconosciuta come uno dei fenomeni più importanti della scena musicale contemporanea.I Pink Floyd hanno prodotto alcune delle immagini più leggendarie della cultura pop: dalle mucche al prisma di The Dark Side of the Moon, fino al maiale rosa sopra la Battersea Power Station e ai Marching Hammers. La loro personale visione del mondo si è realizzata grazie a creativi come il moderno surrealista e collaboratore di lunga data Storm Thorgerson, l’illustratore satirico Gerald Scarfe e il pioniere dell’illuminazione psichedelica Peter Wynne-Wilson.

Il percorso espositivo che guida il visitatore seguendo un ordine cronologico, è sempre accompagnato dalla musica e dalle voci dei membri passati e presenti dei Pink Floyd, tra cui Syd Barrett, Roger Waters, Richard Wright, Nick Mason e David Gilmour. Il momento culminante è la Performance Zone, in cui i visitatori entrano in uno spazio audiovisivo immersivo, che ricrea l’ultimo concerto dei quattro membri della band al Live 8 del 2005 con Comfortably Numb, appositamente mixata con l’avanguardistica tecnologia audio AMBEO 3D, oltre al video, in esclusiva per Roma, di One Of These Days, tratto dalla storica esibizione del gruppo a Pompei.L'iniziativa è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita Culturale. "Siamo orgogliosi", ha sottolineato la sindaca Raggi, "di essere il primo paese fuori dall'Inghilterra che ospita questa mostra colossale, un viaggio nella storia della band". Un viaggio, appunto: "più che una mostra un'esperienza", come ha detto il vicesindaco Bergamo. Un'esperienza totale nell'immaginario onirico dei Floyd, visione che ha segnato mezzo secolo e continua a solcare il nuovo millennio

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Poesia

Il coraggio di amare

Complessa, caparbia persa nei diversi  stati della mente...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Assolo

Amo quelli che non rinunciano ai propri sogni. Quelli che si rialzano sempre, anche quando si sentono a terra.

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Amos Oz. In memoria

Esiste un luogo della parola che ha a che fare con la profezia: quel potere onirico che la scrittura sprigiona quando diviene impronta della storia e, al tempo stesso, visione...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Rizzoli. “Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking. Recensione

“Le mie risposte alle grandi domande” di Stephen Hawking edito da Rizzoli (pagg. 199 euro 17,00) e uscito pochi mesi dopo la sua morte, avvenuta il 14 marzo scorso, con...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

La cultura como motor económico y social. El caso latinoamericano. Entrevista a …

El año pasado en Roma, en el marco de la conferencia “Cultura e Sviluppo, una prospettiva latinoamericana” al MAXXI, organizada por el IILA, nos encontramos con Trinidad Zaldívar, Jefa de...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077