Mercoledì, 11 Aprile 2018 09:32

Presentata “Canaletto 1697 – 1768”, mostra da non mancare

Scritto da

ROMA – Un evento di portata nazionale e internazionale. L’interesse di Sky Art, che sta producendo un documentario su “Canaletto 1697 – 1768” conferma  l’imprescindibilità di questa mostra.

Non a caso, alla sua presentazione non è mancato il celeberrimo critico d’arte e politico italiano, Vittorio Sgarbi che a lungo si è intrattenuto con il suo omologo Pietro Folena, organizzatore di mostre d’arte e di questa stessa esposizione, scrittore, editore ed ex parlamentare.

“Canaletto 1697 – 1768” é promossa dall’assessorato alla cultura di Roma Capitale con l’organizzazione dell’associazione culturale Metamorfosi, presieduta da Pietro Folena, in collaborazione con Zetema progetto Cultura e a cura di Božena Anna Kowalczyk. Si può vedere fino al 19 agosto 2018 al museo di Roma.  Negli spettacolari saloni di Palazzo Braschi, l’evento intende celebrare il 250° anniversario della morte del pittore veneziano con il più grande numero di creazioni mai arrivate in Italia, sessantotto tra dipinti e disegni e documenti, di cui alcuni celeberrimi.

Il percorso, nelle bellissime sale di palazzo Braschi, si snoda attraverso otto sezioni che raccontano il rapporto dell’artista con il teatro (va ricordato che inizialmente Canaletto si occupò di scenografia), il capriccio archeologico ispirato alle rovine di Roma antica, i successi iniziali a Venezia, gli anni d’oro del pittore, il rapporto con i suoi collaboratori, il suo atelier, le vedute di Roma e dell’Inghilterra. In definitiva il passaggio di una personalità creativa, sensibile e innovativa e il segno da lui lasciato. Il genio di Canaletto ha rivoluzionato il genere della veduta, fino allora ritenuto secondario, elevandolo al rango di pittura di storia e di figura, emblema degli ideali scientifici e artistici della sua epoca: quella, ai nostri occhi ancora tanto interessante, dell’illuminismo.

Nell’illustrare la genesi di questa iniziativa encomiabile e complessa, sviluppatasi nell’arco di due anni grazie ad uno sforzo collettivo, Pietro Folena ha rilevato che “le opere di Canaletto sono in tutto il mondo. Proprio le più belle e convincenti sono lontanissime. La mostra al museo di Roma riunisce insieme capolavori mai visti provenienti dai più importanti musei del globo, tra cui il Pushkin di Mosca, il Jacquemart-André di Parigi, il Museo delle Belle Arti di Budapest, la National Gallery di Londra e il Kunsthistorisches Museum di Vienna, e altre opere ancora dagli Stati Uniti, dall’Avana, da Cuba, per la prima volta nel nostro paese”.

Božena Anna Kowalczyk, la curatrice, ha spiegato che mentre abitualmente di Canaletto sono mostrati i soggetti più noti, in questo caso l’artista è seguito passo passo, anche durante i periodi più misteriosi, come quello in cui ha vissuto a Roma, del quale esiste pochissimo materiale. “A tal proposito”- ha detto Anna Kowalczyk – “mi auguro che questa esposizione unica sia di stimolo a quei ricercatori d’archivio che su Canaletto sfogliano carte su carte”.  La Kowalczyk ha poi fatto notare come tra i dipinti ci siano anche le due parti, tagliate prima del 1802 e per la prima volta riunite, di un’unica tela raffigurante Chelsea da Battersea Reach. La parte sinistra proviene da Blickling Hall, National Trust, Regno Unito, quella destra dal Museo Nacional De Bellas Artes de la Habana, eccezionalmente concessa in prestito dal governo cubano. Ingredienti per non mancarla.

Informazioni

La mostra è accompagnata da un ciclo di visite guidate gratuite per le scuole di Roma e della città metropolitana e da una serie di attività didattiche a pagamento per il pubblico non scolastico secondo questo calendario: sabato 14 aprile ore 16.30; sabato 28 aprile ore 17; venerdì 4 maggio ore 17; sabato 12 maggio ore 11; domenica 27 maggio ore 11; domenica 3 giugno ore 11; venerdì 8 giugno ore 17; domenica 17 giugno ore 17; giovedì 21 giugno ore 17; venerdì 6 luglio ore 17; sabato 14 luglio ore 11; venerdì 20 luglio ore 17; domenica 5 agosto ore 11.

Info e prenotazioni allo 060608.

Luogo

Museo di Roma

 Nuovo Spazio Espositivo al I piano

Orario

Dall'11 aprile al 19 agosto 2018
Dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle 19.00
la biglietteria chiude un'ora prima
Chiuso lunedì e 1 maggio
N.B. per eventuali aperture e/o chiusure straordinarie consultare la pagina dedicata agli Avvisi

Biglietto d'ingresso

Biglietto “solo Mostra”:
€ 11,00 intero; € 9,00 ridotto;
€ 4,00 biglietto speciale scuola ad alunno (ingresso gratuito ad un docente accompagnatore ogni 10 alunni)
€ 22,00 biglietto “solo Mostra” speciale Famiglie (2 adulti più figli al di sotto dei 18 anni)
Acquisto on line intero open € 11,00 + € 1,00 di prevendita
***
Biglietto “integrato” Museo di Roma + Mostra
Residenti: intero € 16; ridotto € 12
Non residenti: intero € 17; ridotto € 13
Acquisto on line (selezionando la data di visita) intero non residente € 17,00 + € 1,00 di prevendita
***
Biglietto "solo Museo di Roma"
Residenti: intero € 8,50;  ridotto: € 6,50
Non residenti: intero € 9,50;  ridotto: € 7,50
Acquisto on line intero non residente € 9,50 + € 1,00 di prevendita

***

Ridotto:
- cittadini EU di età compresa tra i 6 e i 25 anni;
- insegnanti in attività;
 - giornalisti previa esibizione di documento comprovante l'attività professionale svolta;
- possessori RomaPass 72h (dal 3° ingresso);
- possessori RomaPass 48h (dal 2° ingresso);
- Soci Carta Freccia, clienti delle frecce con destinazione Roma (biglietto emesso nei 5 gg precedenti), dipendenti Ferrovie dello Stato, abbonati regionali e possessori di un biglietto corsa semplice su treni regionali  direzione Roma (emesso il giorno stesso) + un accompagnatore;
- dipendenti BNL e Gruppo BNP Paribas

  Gratuito:
- bambini fino a 6 anni;
- portatore handicap e accompagnatore;
- guide turistiche dell’Unione Europea;
- interpreti turistici dell’Unione Europea;
- soci ICOMOS, membri ICOM e ICCROM e degli istituti di cultura stranieri e nazionali quali Accademia dei Lincei, Istituto Studi Romani, Amici dei Musei di Roma;
- possessori RomaPass 72h (primi 2 ingressi);
- possessori RomaPass 48h (primo ingresso).

Informazioni

tel. 060608 tutti i giorni ore 9.00 - 19.00

Promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Con l’organizzazione di Associazione Culturale MetaMorfosi

In collaborazione con Zètema Progetto Cultura

Tipo

Mostra

Prenotazione obbligatoria:

No

Altre informazioni

Sponsor mostra
BNL Gruppo BNP Paribas
Listone Giordano

Sponsor Sistema Musei in Comune
Ferrovie dello Stato Italiane

Con il contributo di
Fondazione Guglielmo Giordano
Fondazione Enzo Hruby
Istituto Nazionale di Architettura

Sponsor tecnici
iGuzzini
Montenovi
Rotas

Media Sponsor
Sky Arte HD
artemagazine

Curatore

Bożena Anna Kowalczyk

 

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Speech Art

L’Arte può salvare una vita? L’attivismo animalista nella pratica di Tiziana Per…

Abbiamo incontrato Tiziana Pers in occasione della mostra Caput Capitis II a cura di Pietro Gaglianò presso la aA29 Project Room a Caserta.

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]