Lunedì, 21 Maggio 2012 18:50

Biennale di Venezia. A Pierre Boulez il Leone d’oro alla Carriera per la Musica

Scritto da
Pierre Boulez Pierre Boulez

VENEZIA - Al compositore e direttore d’orchestra Pierre Boulez   è stato attribuito il Leone d’oro alla carriera per la Musica. La cerimonia di consegna avrà luogo nel corso del 56. Festival Internazionale di Musica Contemporanea (6 > 13 ottobre 2012).  

Sul  Leone a Pierre Boulez, il direttore del Settore Musica Ivan Fedele ha affermato: “E’ un riconoscimento al valore assoluto di un artista che ha attraversato la storia della musica contemporanea offrendo al mondo intero composizioni considerate, dai musicologi e artisti di tutto il mondo, veri e propri capolavori della modernità”.

Al Festival di Musica della Biennale di Venezia, Pierre Boulez è stato presente con continuità a partire dai primi anni ’50, presentando l’integrale della sua opera pianistica.

Cenni biografici   su Pierre Boulez (Montbrison – Francia, 1925): dagli studi di matematica a Lione a quello della musica a Parigi nel 1942, dove due anni dopo è ammesso al Conservatorio. Nel 1945 ottiene il Premier Prix e nel 1946 è nominato direttore della musica di scena per la Compagnia Renaud-Barrault, dove dirige lavori di Auric, Poulenc, Honegger e anche suoi. In questi anni compone la Sonatine pour flüte et piano, laPremière Sonate per pianoforte e la prima versione di Visage Nuptial per soprano, viola e orchestra da camera su poemi di René Char. Nel 1951 si dedica a esperimenti di musica concreta con Pierre Schaeffer negli studi di Radio France. Da una serie di conferenze tenute nei corsi estivi a Darmstadt, fra il 1954 e il 1965, nasce il saggio Penser la musique aujourd’hui. Insieme a Stockhausen, Berio, Ligeti e Nono, Boulez si afferma come una delle maggiori personalità della sua generazione.


Parallelamente si svolge la sua carriera di direttore d’orchestra: nel 1966 dirige Parsifal a Bayreuth e Tristano e Isotta in Giappone. Nel 1969 dirige per la prima volta l’Orchestra Filarmonica di New York e ne diventa direttore (1971/1977) succedendo a Leonard Bernstein. Nello stesso periodo è nominato direttore permanente dell’Orchestra Sinfonica della BBC (1971/1975). Su richiesta del Presidente Georges Pompidou, Pierre Boulez accetta di fondare l’Institut de recherche et coordination acoustique/musique (Ircam) nel 1977. Solo due anni prima nasceva l’Ensemble Intercontemporain, la cui presidenza è affidata a Boulez. Nel 1976 viene invitato a Bayreuth per eseguire la Tetralogia di Wagner con la regia di Patrice Chéreau. Per cinque anni consecutivi Boulez dirigerà la stessa produzione che sarà in seguito registrata su disco e video cassetta. Nel 1979 dirige la prima esecuzione mondiale di Lulu di Alban Berg all’Opera di Parigi. Nel 1992 firma un contratto di esclusiva con Deutsche Grammophon e arricchisce la sua discografia dirigendo le più grandi orchestre del mondo. Nell’agosto dello stesso anno, il Festival di Salisburgo gli consacra una serie di concerti che rappresentano la quasi totalità dei suoi lavori. Fra le sue opere principali create all’Ircam: Répons (1981/1988), Dialogue de l’ombre double (1985), explosante – fixe (1991/1993) e Anthèmes (1997). Le sue ultime composizioni sono sur Incises, prima esecuzione assoluta al Festival di Edinburgo nel 1998 e Derive 2, di cui l’ultima versione è stata data nel luglio 2006 al Festival di Aix-en-Provence.

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Buonanotte Mondo

Allontanare i pensieri 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]