Martedì, 11 Gennaio 2011 20:41

“Un giorno della vita”, esordio con Italia anni cinquanta

Scritto da

ROMA - Nel 1964 morì Togliatti, si svolse il Concilio Vaticano II e si diffusero, anche al sud, le prime sale cinematografiche parrocchiali.

Per il piccolo Salvatore – 12 anni, lucano – il cinema è tutto ciò che sogna. Non pensa di diventare attore o regista, vuole semplicemente poter vedere film tutti i giorni, specialmente quelli di Totò e di Maciste. Ma nella sua famiglia, e nella Basilicata degli anni ’60, per tutto questo non c’è spazio, anche se presto sia il partito comunista sia la Chiesa ne intuiranno il potenziale comunicativo.


«Un giorno della vita», Salvatore e i suoi piccoli amici hanno finalmente l’occasione di comprare un proiettore di seconda mano e coronare così il grande sogno di aprire il primo cinema del paese: un vero cinematografo tutto per loro. Per procurarsi il denaro necessario, però, commettono un grave furto e per Salvatore il sognatore iniziano i guai, da cui lo aiuterà a uscire un sensibile giornalista, impersonato da Alessandro Haber.

Cresciuto come documentarista, Giuseppe Papasso è un regista esordiente, così come lo sono i tre piccoli attori bambini. Ad assistere tutti, ci sono tre i volti navigati di Alessandro Haber, Maria Grazia Cucinotta e del favoloso Ernesto Mahieux, nei panni di un sacerdote un po’ vigliacco. Favola sull’Italia che fu - a metà fra I quattrocento colpi e Nuovo cinema paradiso - «Un giorno della vita» è un film a basso budget ma ambizioso.

Entusiasta del progetto, la Cucinotta si è calata nei panni a lei consoni della mamma di Salvatore, una donna tradizionale e concreta che tenta di riportare il figlio alla realtà, pur difendendolo dalla cieca severità del padre. Meno truccata e più intensa del solito, ha detto: «Mi sento bene nei panni delle donne degli anni ’50 quando la moglie non entrava in competizione con il marito, cosa che oggi purtroppo accade spesso». La Basilicata dei campi di grano e dei bambini in bicicletta è la stessa terra melfese di Io non ho paura, mentre la passione incontrollata di Salvatore per il cinema ricorda inevitabilmente un tema caro a Tornatore.


Un giorno della vita
2010, Italia

Regia: Giuseppe Papasso
Con: Pascal Zullino, Domenico Fortunato, Nando Irene, Daniele Russo, Massimo Sorrentino, Mia Benedetta, Matteo Basso, Amedeo Angelone, Francesca D’amico, Orazio Cammarota, Maria Grazia Cucinotta, Alessandro Haber, Ernesto Mahieux
Distributori: Iris Film Distribution
Genere: Drammatico
Durata: 87'
Data di uscita: 14-01-2011


Trailer


Trailer fornito da Filmtrailer.com

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Musei, Minoranze e Alternative Experts. Le istituzioni museali possono oggi bene…

Durante un simposio tenuto in ottobre da ABC Citta’ a Milano, si è ragionato su come sradicare dai musei i vecchi stereotipi culturali e sfruttare tali istituzioni e il loro...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]