Sabato, 29 Gennaio 2011 17:34

Beyond, anatomia di un'infanzia dolorosa

Scritto da

ROMA - Leena sta festeggiando felicemente Santa Lucia con il marito e le due filglie quando riceve una telefonata; sua madre è in ospedale e sta morendo.


La notizia l'atterisce e da quel momento ha inizio un confronto serrato, quasi fisico, con la ragazzina che era vent'anni prima, quando la donna in lei era solo accennata. La famiglia appena immigrata in Finlandia, e lei imparava le parole della nuova terra mentre la vita scorreva tra la povertà, una madre distante, l'alcolsimo del padre, e un fratellino da accudire. Quando la donna apprende dello stato della madre si chiude al marito, alle due figlie, e soprattutto agli spettatori, sebbene sia impossibile non commuoversi.
Incapace di uscire dal guscio dei  ricordi, con la tentazione di una coazione a ripetere nei confronti delle figlie, l'unica nota felice è il marito che tute  vorrebbero avere, passionale e comprensivo.
A colpi di flash back, la storia ci viene narrata dal punto di vista della donna e della ragazzina, in un susseguirsi di primi piani, fotografia a grani grossi e slavata, bella musica di Magnus Jarlbro, in un realismo interiore da cui è difficile fuggire.

Tutti gli attori sono straordinari. Noomi Rapace (la protagonista di Uomini che odiano le donne) e la giovane Tehilla Blad interpretano come fossero un'unica persona Leena, e ne esprimono tutto il dolore e la frustrazione. Outi Mäenpää e Ville Virrtanen, padre e madre di Leena, ci fanno rabbia e pena insieme.

La regista, Pernilla August, è nota per essere stata la madre del giovane Skywalker, ma ha una lunga esperienza come attrice, avendo recitato al cinema e a teatro sotto la direzione nientemeno che di Bergman, che il film richiama solo in superficie. In Beyond, l'attrice svedese esordisce dietro la macchina da presa: ne conosce  l'arte, soprattutto per quanto riguarda la direzione degli attori. Forse ha scelto una storia troppo privata, che non permette allo spettatore di seguirla in un finale particolarmente naturale e personale.


(Premio del Pubblico alla Mostra del Cinema di Venezia 2010)

Cast artistico
Leena adulta NOOMI RAPACE
Johan OLA RAPACE
Aili  OUTI MÄENPÄÄ
Kimmo VILLE VIRTANEN
Leena giovane TEHILLA BLAD

Cast tecnico
Regia PERNILLA AUGUST
Sceneggiatura PERNILLA AUGUST,LOLITA RAY
Liberamente tratto dal bestseller omonimo di SUSANNA ALAKOSKI
Fotografia ERIK MOLBERG HANSEN DFF
Scenografie ANNA ASP
Montaggio ÅSA MOSSBERG
Musiche MAGNUS JARLBRO
Costumi KICKI ILANDER
Hair & Make-up Design ELIZABETH BUKKEHAVE
Prodotto da HELENA DANIELSSON,RALF KARLSSON
Distribuzione SACHER Distribuzione

Trailer

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

"Più libri più liberi". I miei cinque giorni nella “Nuvola della spera…

ROMA - I numeri di "Più libri più liberi" – la Fiera Nazionale della Piccola e Media editoria, organizzata dall'Associazione Italiana Editori (AIE) e ospitata dal Roma convention center - La Nuvola...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]