Martedì, 02 Aprile 2013 18:55

Muffa-Kuf. Un film importante. Recensione. Trailer

Scritto da

Basri è un uomo rimasto solo, per la perdita della moglie e del figlio, fatto sparire quand'era poco più che un ragazzo, perché secondo la polizia era "non con il governo, ma contro".

Questo mistero nessuno lo ha mai spiegato a Basri. Lui però è caparbio e coraggioso, e ogni giorno, controllando i binari, continua a cercare le tracce del figlio "desaparecido". Scrive petizioni per denunciare cosa è successo. Perché gli sia detto che cosa gli  hanno fatto e se sia veramente morto.

Per questa sua ostinazione è stato torturato, sbeffeggiato dagli abitanti della sua cittadina. Ma finché "Allah", lo terrà in vita, lui non si arrenderà. Basri non può, non vuole arrendersi. Ha bisogno di avere quella speranza, o almeno della certezza che il figlio non ci sia più, per poterlo finalmente piangere,  "avere una tomba da cui sdradicare le erbacce".

Toccante film di Ali Aydin, vincitore di numerosi premi alla 69a mostra di Venezia, "Muffa" tocca un tema molto delicato, quello di un padre in una società in debito con le tragedie di un regime che non voleva oppositori.  Un piccolo uomo contro una società di grandi e potenti, alla quale ha dato filo da torcere, perché neanche le torture lo hanno piegato. 

Ispirato alla vicenda delle "Madri Del Sabato", ossia madri di giovani fatti sparire che ogni sabato protestavano davanti i licei, Aydin ha saputo raccontare scegliendo un interprete molto profondo e perfetto per il ruolo del protagonista. Una pagina dolente che non ha confini, perché la storia degli "spariti" per ragioni politiche, ha molti precedenti. Anche la vicenda di genitori che non si arrendono, è degna di essere raccontata. E il regista di questo film c'è riuscito.  Quale giovane autore ai primi lungometraggi il risultato è buono, nonostante qualche pecca di sceneggiatura. Un elogio va fatto sopratutto ai momenti che, pur in assenza di azione, ingenerano tensione nello spettatore. Una "missione" non facile.

 

Un film di Ali Aydin

Con Ercan Kesal, Muhammet Uzner, Tansu Biçer

Scritto e diretto da Ali Aydin

Produzione Motiva Film, Yeni Sinemacilar

Co produzione Beleza Film

Distribuzione Sacher Distribuzione

Durata 94'

Colore

Uscita 1 Maggio 2013

 

Muffa - trailer


Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]