Mercoledì, 03 Aprile 2013 13:36

Teatro Quirino. “La coscienza di Zeno”: così simile a noi. Recensione. Clip

Scritto da

ROMA – “La coscienza di Zeno”, celebre romanzo di Italo Svevo,  riflette l’inquietudine dell’uomo dei primi del novecento, dietro le cui certezze si condensa il vuoto esistenziale.  Una storia che testimonia il male di una modernità nella quale possiamo specchiarci.

La valida riduzione di Tullio Kesich, in scena in questi giorni al teatro Quirino di Roma, racconta di Zeno Cosini (interpretato dal bravo Giuseppe Pambieri), triestino sullo sfondo di una mitteleuropea dominata dall’economia, che partendo da una seduta psicanalitica evoca i momenti della sua vita, intrisa di malessere “psicologico”. La morte del padre, attraverso la quale ciascuno acquista percezione della propria mortalità, fine di una tappa importante dell’esistenza. L’amore non ricambiato per la donna più seducente, che si rivelerà fortuna non aver sposato. La moglie non voluta che scoprirà dono del cielo. La relazione extraconiugale punteggiata di momenti di acuta riflessione sulla condizione femminile. La rivalità con il cognato Guido, bello, figlio di papà, abile violinista amatoriale, segnato dal dramma.

Il viaggio di Zeno nella propria mente é salvato dall’ironia e dal distacco, dalla capacità di leggere il rovescio della medaglia di ogni cosa, secondo cui anche un male restituisce la sua benedizione. Zeno Cosini dirà alla fine: “La vita non è ne brutta né bella, ma è originale”; in quell’originalità, si cela il suo carattere sorprendente. In definitiva, un omaggio all’esistenza, alle gioie e ai dolori di una umanità senza tempo.

In una cornice scenografica sapiente, resa vivace dal ricambio delle ambientazioni, garantita dalla regia di  Maurizio Scaparro e dal testo di Kesich, si muove un compagnia teatrale di alto livello che coinvolge in un dramma del profondo senza stancare. Uno spettacolo  importante.


Giuseppe Pambieri in “La coscienza di zeno” - clip
 http://www.youtube.com/watch?v=PKJH9npKwE4


Teatro Quirino repliche fino al 14 aprile
Il Teatro Carcano di Milano presenta
Giuseppe Pambieri
LA COSCIENZA DI ZENO
di Tullio Kezich
dal romanzo di Italo Svevo
con Enzo Turrin, Giancarlo Condé
e con (in ordine alfabetico) Silvia Altrui, Livia Cascarano, Guenda Goria, Marta Ossoli,
Antonia Renzella, Raffaele Sinkovic, Anna Paola Vellaccio, Francesco Wolf
scene  Lorenzo Cutùli
costumi Carla Ricotti
musiche Giancarlo Chiaramello
regia Maurizio Scaparro

Personaggi e interpreti
Zeno Cosini                         Giuseppe Pambieri
Il dott. S./Giovanni Malfenti                 Enzo Turrin
Il dott. Coprosich/Enrico Copler             Giancarlo Condé
Guido Speier                         Francesco Wolf
Luciano                             Raffaele Sinkovic
La signora Malfenti                     Anna Paola Vellaccio
Augusta Malfenti                         Antonia Renzella
Ada Malfenti                         Guenda Goria
Alberta Malfenti                         Livia Cascarano
Anna Malfenti                         Silvia Altrui
Carla Gerco                         Marta Ossoli


Giuseppe Pambieri in “La coscienza di Zeno”

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]