Mercoledì, 09 Febbraio 2011 12:38

“Into Paradiso”: favola sull’integrazione, con un dispetto alla camorra

Scritto da

ROMA - Per fortuna una Napoli senza stereotipi. E immersa nella realtà di oggi. Non c’è il disoccupato, ma c’è il ricercatore precario, ad esempio.

È una città rappresentativa di tutta la penisola, alle prese con gli stessi problemi. Certo, c’è la camorra; ma lo sguardo che la regista ci butta sopra è ironico, dissacrante, sognatore. Into Paradiso, film d’esordio della regista Paola Randi, nata a Milano ma innamorata pazza di Napoli, è una storia, molto originale, sull’integrazione e sull’amicizia tra un napoletano e un cingalese. L’idea le è venuta quando ha visto giocare nella stessa piazza un gruppo di piccoli cingalesi a cricket e un gruppo di coetanei napoletani a calcio.


Alfonso D’Onofrio è un ricercatore appena licenziato per mancanza di fondi. Per cercare di riottenere un posto di lavoro, decide di rivolgersi a una vecchia conoscenza impegnata in politica, ma anche invischiata con la criminalità organizzata. La camorra gli chiede un favore e lui lo chiede al povero Alfonso, che si troverà, incolpevole, immischiato in un regolamento di colpi: un uomo comune che finisce in mezzo ai guai. Per sfuggire ai camorristi, si rifugerà in una casupola, nel centro del paradiso che dà il titolo al film, dove vive la comunità srilankese. Lì incontrerà Gayan, un ex campione di cricket. Tra i due nascerà un rapporto basato prima sulla solidarietà e poi su una sincera amicizia. La regista affronta il tema dell’integrazione in modo particolare. Non parte dalla negazione dell’integrazione per poi appiccicare un lieto fine: i due protagonisti non superano la diffidenza o l’avversione nei confronti dello straniero prima di avvicinarsi e scoprirsi. E’ un incontro spontaneo tra due persone che hanno bisogno di un aiuto. E per entrambi sarà decisivo proprio l’aiuto dell’altro per uscire dai guai. L’accento è messo dunque sull’arricchimento che ognuno di noi può ricevere dallo straniero.
Sono sorprendenti le scelte registiche di Randi, che in alcune sequenze ha ben presente la lezione di registi molto visionari come Michel Gondry o Jean-Pierre Jeunet, il papà del Fantastico mondo di Amélie. Nel film – presentato a Venezia nella sezione Controcampo italiano – Gianfelice Imparato, Peppe Servillo e Saman Anthony.


REGIA: Paola Randi
SCENEGGIATURA: Antonella Antonia Paolini, Paola Randi, Luca Infascelli, Chiara Barzini
ATTORI: Gianfelice Imparato, Peppe Servillo, Saman Anthony, Eloma Ran Janz,Gianni
Ferreri, Shatzi Mosca
FOTOGRAFIA: Mario Amura
MONTAGGIO: Gianni Vezzosi
MUSICHE: Fausto Mesolella
PRODUZIONE: Fabrizio Mosca per Acaba Produzioni in associazione con Cinecittà Luce
DISTRIBUZIONE: Istituto Luce


Trailer


Trailer fornito da Filmtrailer.com

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]