Domenica, 23 Febbraio 2014 07:50

Teatro Brancaccino. M.e.d.e.a Big Oil. Strameritati applausi a un’opera di denuncia. Recensione

Scritto da R.R.

ROMA - Il titolo della tragedia corale M.e.d.e.a Big Oil, vincitrice del Premio Scenario Ustica 2013 racchiude in sé il senso di tutta l’opera: alludendo sia al mito di Medea la madre che uccide i propri figli per vendicarsi del marito fedifrago che all’omonimo Master promosso dall’Eni in Management ed Economia dell’Energia e dell’Ambiente.

Scenario dell’opera teatrale è la Basilicata, che, infatti, in alcuni territori come la Val d’Agri vanta una produzione giornaliera di greggio di oltre 150mila barili, con gravi ripercussioni sull’inquinamento ambientale e sulla salute degli abitanti. Rischi, che non sono monitorati come si dovrebbe, in assenza di un organo autonomo e scevro da pressioni politico-finanziarie, deputato a calcolare i danni dell’esposizione alle sostanze tossiche utilizzate nelle raffinerie, tra le quali si rintracciano il bario depositatosi nelle acque del Lago Pertusillo e l’idrogeno solforato disperso nell’aria. 

 

È questa la protesta che anima il collettivo Internoenki formato da giovani provenienti da tutta Italia, dal Friuli alla Basilicata, uniti dalla passione per il teatro ricercato e per la denuncia sociale. Direttrice del collettivo e autrice dello spettacolo è la bravissima scrittrice, registra e attrice Terry Paternoster, nata a Milano, ma con un particolare legame affettivo con il Sud, che dall’estate 2011 ha avviato una ricerca per comprovare – come lei stessa scrive - “le effettive responsabilità del dissesto ambientale a carico di Eni”. Un’impresa ardua, in assenza di dati certi, tranne quelli dell’anagrafe che segnano l’incremento del numero di giovani morti per cancro. Per dare voce a quest’iniziativa la Paternoster ha preferito la carica emozionale di uno spettacolo dal vivo alle pagine di un libro. “Perché - come sostiene l’autrice - niente può cambiare, se non cambiano prima le mentalità” e uno spettacolo che punta dritto al cuore della gente può facilitarne la riuscita.

 

Una tragedia corale suddivisa in 7 deliri e 21 quadri. Nove gli attori che rappresentano il sottoproletariato, ritratti con una sola scarpa, un po’ sciancati e stremati dal lavoro sui campi. Tutti quanti parenti di Medea, la matriarca che ha richiamato a casa dalla Germania i figli Ninuccio e Peppino, allettata dalle promesse dei politici, che hanno “garantito occupazione in patria”. Impieghi nelle raffinerie petrolifere lucane: “ruoli di primordine”, come assicurato dalla Regione, dai sindaci e dagli ingegneri Eni, a caccia di manodopera locale. Un lavoro, da lei imposto ai figli, che le strapperà via i due eredi: chi per cancro, chi per un incidente nel cantiere. In questo caso, Medea non è la strega che uccide i suoi figli per vendicarsi dell’abbandono del marito, bensì raffigura la madre terra che li uccide perché avvelenata dall’uomo, da Giasone Big Oil, che ne ha contaminato i frutti. Medea rappresenta dunque tutti i lucani, che “abbagliati dall’oro nero” hanno ceduto alle sue lusinghe, con la speranza di un arricchimento che si è rivelato  solo una minaccia per l’ecosistema naturale.

L’espressività del dialetto e il carisma della protagonista Terry Paternostro conferiscono allo spettacolo una vis polemica ed emotiva in grado di coinvolgere lo spettatore nel dramma “del sottoproletariato lucano, tradito e umiliato dalla sua stessa terra, piegata e tradita dal Colosso a sei zampe, Big Giasone Oil”.

Un applauso strameritato a tutto il cast, che seppur sprovvisto di scenografia e di sofisticate attrezzature ha trasportato lo spettatore in uno spazio mitologico e ancestrale, ricco di pathos.

 

M.E.D.E.A BIG OIL (Al Brancaccino fino al 23 febbraio)

Testo e regia di Terry Paternoster

con gli attori del collettivo InternoEnki: Maria Vittoria Argenti, Teresa Campus, Ramona Fiorini, Chiara Lombardo, Terry Paternoster; 

Mauro F. Cardinali, Gianni D’Addario, Donato Paternoster, Alessandro Vichi

 

Produzione: InternoEnki

Disegno luci: Giuseppe Pesce

Assistente tecnico: Ezio Spezzacatena

Organizzazione: Anca Enache

Grafica: Luca Longu

Residenze artistiche: Teatro Bi.pop c/o Zona Rischio Casal Bertone (Roma) – Teatro Sala Umberto (Roma)

Ufficio Stampa: Marzia Spanu

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Il mondo muore

Un freddo è sceso nel mio cuore l’ansia mi stringe la gola acuti spigoli feriscono l’anima.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Libri. “Note a margine”, una porta schiusa sulla scuola

Note a margine non è un romanzo, né una semplice raccolta di racconti. Non è un testo soltanto narrativo o espressivo, informativo o descrittivo.

Anna Trattelli - avatar Anna Trattelli

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, insieme per sviluppare  un vaccino contro il Coronavirus

Takis ed Evvivax, due aziende di Biotecnologie presenti nel parco scientifico di Castel Romano, Roma hanno annunciato il loro impegno per lo sviluppo di vaccini innovativi contro il 2019-nCoV, il...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]