Sabato, 20 Settembre 2014 14:55

La preda perfetta. Redenzione e brutalità. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Ispirato a un romanzo di Lawrence Block. Fine anni ’90: nella cupa e piovosa New York l’investigatore privato senza licenza Matt Scudder è segnato da una cicatrice permanente.

A causa della sua debolezza per gli alcolici, ha risposto con imprudenza agli spari di alcuni rapinatori. Il conflitto a fuoco ha determinato la morte accidentale di una bambina. La vita offre sempre nuove occasioni. Matt ha deciso di smettere di bere e rimettersi in gioco. Il caso che gli si prospetta adesso appare particolarmente complicato e pericoloso. Un narcotrafficante lo ingaggia per far luce sull’ efferata uccisione della moglie, precedentemente rapita. Il pagamento del riscatto non ha sortito l’effetto sperato. Il movente economico non regge. Matt si trova a far luce su un crimine compiuto da due inquietanti serial killer psicopatici.

Il personaggio di Matt Scudder è la pietra angolare del film. Ha le movenze, il carisma, l’ intensità dei classici detective dei noir degli anni trenta e quaranta. I nomi di Sam Spade e Philip Marlowe non vengono tirati in ballo a caso. Gran parte del merito è certamente di Liam Neeson perfetto per il ruolo. I suoi occhi hanno la profondità di chi ha visto l’abisso ed è tornato indietro, con una energia diversa, meno luminescente e più duratura. Il pensiero va alla vita privata di Neeson, di cui si trova traccia nella silenziosa sofferenza del suo personaggio. Matt è solitario ma non si è ripiegato totalmente su se stesso. Sa aiutare e sa farsi aiutare in un mondo segnato da violenza droga e perversione nel quale ogni ideale di purezza é una irrealizzabile utopia. La redenzione é un percorso da costruire ogni giorno La fotografia di Mihai Malaimare Jr dipinge una New York acquosa e tetra che fa rima con gli stati d'animo del protagonista. Lo sviluppo narrativo, sostanzialmente classico, é costellato di  scene ad effetto che ravvivano la tensione ed acuiscono la drammaticità della storia.  Impossibile non provare orrore nel momento del ritrovamento del corpo della moglie del narcotrafficante. Il suicidio del custode del cimitero spezza il fiato. Complessivamente “La preda perfetta” é un buon film "di genere", con tutti i vantaggi e i limiti che questo comporta. Funziona bene nel suo territorio. Fallisce quando cerca di oltrepassare lo steccato proponendo assonanze stridenti  fra il passato di Matt, l'azione presente ed i dodici passi della alcolisti anonimi. La lezione “morale” del film è vaga e poco coerente. I contenuti potevano essere sviluppati con maggior accuratezza. Quel che resta è un buon thriller.   

REGIA: Scott Frank

ATTORI: Liam Neeson, Dan Stevens, David Harbour, Boyd Holbrook, Adam David Thompson

SCEGGIATURA: Scott Frank

FOTOGRAFIA: Mihai Malaimare Jr.

PRODUZIONE: USA

GENERE: Thriller

DURATA: 114 minuti

USCITA NELLA SALE: 18 settembre

La preda perfetta - Trailer


Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Mamma è tante cose

Cos’è una mamma?  Per chi non l’ha avuta è una stella. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]