Lunedì, 29 Settembre 2014 14:57

“Stelvio. Crocevia della pace”. Il più assordante silenzio mai ascoltato. Recensione. Trailer

Scritto da

Il più assordante silenzio mai ascoltato. Questo è lo Stelvio

Sono entrato in sala convinto di assistere alla proiezione di un documentario su un luogo alpino e invece sono stato inghiottito da una bellezza maestosa e irreale, raccontata attraverso le suggestive immagini di Alessandro Melazzini, ideatore, produttore e regista di questo straordinario lungometraggio.

Lo Stelvio satura ogni senso, parla direttamente all’anima anche a chi, come me, non lo ha mai visitato. 

Il documentario si apre con cinque minuti di riprese in completa quiete, solo il fruscio del vento e lui, lo Stelvio. Si rimane interdetti e incantati. Sensazioni che si ritrovano negli sguardi e nelle parole dei coprotagonisti come Mario Pasinetti, portiere dell’hotel Pirovano, guida alpina e rinvenitore di oggetti e resti della prima Guerra Mondiale. L’inquadratura indugia sul suo volto e i suoi occhi carichi di quelle cime innevate, di quelle valli così perfette da sembrare irreali. Le sue parole ricordano i soldati che non hanno mai lasciato quei luoghi, ma nessuna foto o documento d’epoca, solo un veloce passaggio al Museo Storico Carlo Donegani. Una scelta del regista il quale, in conferenza stampa dice: “I miei documentari vogliono essere la fotografia del presente, mai dimenticando il passato ma solo attraverso delle parole di alcune persone, come Mario.”

E lo Stelvio viene raccontato da alcuni personaggi unici come Lorenz, l’artista-sciamano oppure Arturo “Pompa” Quintavalla il meccanico, inventore e aviatore incontrato per caso dal regista e diventato poi uno dei protagonisti del documentario. Pompa ha brevettato strumenti di salvataggio alpino testati sui ghiacciaio dello Stelvio. C’è anche la storia di Claudia, guardia forestale, Gustav Thoni e Deborah Compagnoni ex sciatori olimpici e Renato albergatore innamorato dei silenzi di queste cime.

Gran lavoro anche per il direttore della fotografia Alessandro Soetje. “ Gli scenari che si sono aperti davanti ai miei occhi così aspri e immensi da ricordare la concezione schopenhaueriana del sublime, mi hanno colpito profondamente. La mutevolezza del paesaggio è impressionante. La montagna è solo apparentemente sempre uguale a se stessa. In realtà è in continuo cambiamento e non smette mai di sorprenderti, di offrirti una nuova luce, un nuovo scenario, un nuovo colore.”

Il documentario è stato prodotto dalla Banca Popolare di Sondrio. “Un’iniziativa - dice un rappresentante dell’istituto bancario - che parla della nostra terra per noi la montagna non divide, ma unisce. Sullo Stelvio, c’è un centro spirituale, c’è Pirovano l’università dello sci di montagna e c’è anche lo sportello bancario più alto del mondo, il nostro.”

Terminata la proiezione, lo Stelvio lascia traccia di sé nel cuore e nella memoria. Rimane una nota nostalgica e la necessità di visitarlo, di provarne i sapori e i profumi e soprattutto i profondi silenzi.

GENERE: Documentario

ANNO: 2014

REGIA E SCENEGGIATURA:   Alessandro Melazzini

PRODUZIONE: Alpenway Media ProductionGmbH con il sostegno della Banca Popolare di Sondrio

PAESE: Germania e Italia 

Stelvio. Crocevia della Pace – trailer

 

 

 

 

  

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Malinconia

Come fiocco di neve inatteso... La malinconia cade dentro la finestra.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Capitana oh mia Capitana

Quando un giorno sentiremo cantare le onde del mare. Vedremo nella sua profondità le storie di vita di chi lo ha attraversato. 

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Andrea Camilleri, “contastorie” per sempre

Andrea Camilleri se ne è andato, a 94 anni,  mentre un suo racconto, l’ennesimo, era appena uscito in libreria e mentre si era appena spenta l’eco televisiva dell’ottava replica del...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Leggere i dati sull’economia. La storia dell’ESM raccontata dall’interno. Sovran…

Pochi giorni fa è stato diffuso dall’ESM, uno degli enti che è stato protagonista assoluto della storia economica contemporanea, un libro che ripercorre quanto avvenuto negli ultimi anni. Safeguarding the euro...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]