Venerdì, 07 Novembre 2014 14:31

Cinema. Interstellar, un capolavoro, o quasi. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - Interstellar è il nuovo capolavoro di Christopher  Nolan, regista della trilogia di “Batman” e del metafisico “Inception”, che nasce da una sua idea originale sviluppata insieme al fratello Jonathan, con grande  attenzione alla veridicità scientifica ,supportata dal rigore metodologico del fisico Kip Thorne, tra i supervisori del progetto. 

Uno sci-fi che trae palesemente ispirazione da “2001: Odissea nello spazio”, del grande maestro Stanley Kubrick e da “Star Wars” di George Lucas, film molto caro al regista. Influenze presenti seppur meno evidenti, quelle di Solaris di Andrei Tarkovsky , ravvisabile nell’ossessione del vedovo protagonista per l’acqua, fonte vitale e il documentario premio Oscar sulla missione della Nasa Apollo “For all menkind”.

La storia racconta di un futuro prossimo in cui la terra sia diventata un pianeta inospitale per il genere umano, dall’aria sempre più irrespirabile e la scarsità di cibo. Tutti i cittadini, laureati o meno, sono impiegati nell’agricoltura, data la necessità di creare risorse e la scienza non solo non viene più insegnata nelle scuole, ma anche confutata. Viene rinnegato, persino, il primo allunaggio dell’Apollo 11 nel ’69, per non distrarre le giovani leve dal lavoro sui campi. Una scelta non condivisa da Cooper, un ingegnere costretto a piantare il granturco, che vorrebbe introdurre i suoi figli allo studio della fisica. A seguirlo, con innata predisposizione è sua figlia Murph, affascinata dalle leggi sulla gravità. Un campo gravitazionale, infatti, sembrerebbe esserci nella camera della ragazzina, scambiato da lei per un  “fantasma”, col quale comunicare in codice “morse”, tra l’incredulità dei suoi familiari.

 Una svolta nella vita della famiglia avverrà con la scoperta di un laboratorio segreto della Nasa, che sceglie di arruolare Cooper in una missione interstellare, alla ricerca di un nuovo habitat in grado di ospitare la vita. Un incarico di particolare difficoltà che lo vede in un equipaggio al fianco dell’astrofisica Brand, figlia del famoso scienziato Brand, interpretato da un’algida e altamente professionale Anne Hathaway. Scopo della missione “Lazarus”: passare attraverso un “wormhall”, una sorta di scorciatoia galattica che consente di esplorare nuove universi, distanti anni luce, in uno spazio temporale ridotto. Personaggio chiave di “Interstellar” sarà Murph, che collaborerà col professore Brand - un eccellente Michael Caine - per elaborare una nuova equazione che tenga conto di tutte e cinque le dimensioni, sconosciute sul pianeta Terra, per rendere così possibile la formazione della vita altrove. Bravissima Jessica Chastain nel ruolo di Murph adulta: una scienziata di successo, malgrado la sofferenza sviluppata dall’assenza del padre negli anni della sua crescita. Eccezionale e commuovente Matthew McCounaughey, come soltanto l’animo di un padre sa essere.

Una trama originale, mai prevedibile, che coinvolge lo spettatore per quasi tre ore di proiezione. Fotografia eccellente, come anche alcune delle riprese galattiche, girate senza il sonoro, nei momenti a più alta carica emotiva, sulla falsariga della tecnica già utilizzata, nel 2013, dal premio Oscar Alfonso Cuaron in “Gravity”. Appropriata la colonna sonora originale di Hans Zimmer, ormai fidato compositore per Nolan, sin dalla trilogia di Batman.

Un film di fantascienza che trascende la scienza, per concentrarsi sul vero senso dell’esistenza umana: l’amore. Un sentimento universale, il cui apporto permette alla fisica di svilupparsi e progredire nell’evoluzione umana. Le uniche pecche: l’eccessiva durata e il doppio finale, non necessario ai fini della comprensione del messaggio del regista. Comunque, eccezionale.

Interstellar (169’) , dal 6 novembre nelle sale

di Christopher Nolan

Con Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Jessica Chastain, Michael Caine, John Lithgow

Scritto da Christopher Nolan e Jonathan Nolan. Distribuito da Warner Bros

Interstellar - Trailer

 

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

La marea e l'amore

Il mio amore è come il mare immenso… 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

ban.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Nft, blockchain, criptovalute stanno davvero cambiando il mondo dell’arte come…

Nft, blockchain, criptovalute stanno davvero cambiando il mondo dell’arte come lo conosciamo?

Siamo di fronte a una bolla speculativa destinata a scoppiare? Oppure, come sostiene Beeple, la cui opera digitale è stata venduta per 70 milioni di dollari da Christie’s a New...

Rita Salvadei - avatar Rita Salvadei

Primo Piano – Pianeta Donna. Omaggio ad Alida Valli nel centenario della nasc…

Primo Piano – Pianeta Donna.  Omaggio ad Alida Valli nel centenario della nascita

Cento anni fa, il 31 maggio 1921, a Pola, la bella città dell’Istria allora italiana, nasceva Alida Valli, la prima vera diva italiana del cinema fin dagli anni Trenta. Sarebbe...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Sport

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma stanno dimostrando di poter essere grandi protagoniste sia in Italia che in Europa.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]