Venerdì, 12 Dicembre 2014 18:25

Teatro Parioli. “La lettera di Mammà”. Risate assicurate in atmosfera Natalizia. Recensione

Scritto da

ROMA - La lettera di Mammà, brillante commedia di Peppino De Filippo, diretta magistralmente da suo figlio Luigi, è in scena al teatro Parioli di Roma dall’11 dicembre all’11 gennaio. Assicurate risate genuine e una sentimentale atmosfera natalizia.

La storia tratta un tema classico: i matrimoni combinati tra nobiltà decaduta e alta borghesia, dove l’una porta i denari e l’altra il casato prestigioso. Abitudine molto in voga nella “Napoli bene” degli anni ’30, nella quale commercianti facoltosi davano in sposa le loro figlie a nobili spiantati per elevarsi socialmente e togliersi di dosso la fama di “rozzi parvenu”. Una consuetudine raccontata con pungente ironia e comicità da Peppino De Filippo, che in quegli anni ha vissuto e ha potuto assaporare l’atmosfera decadente, in auge nell’ex capitale borbonica.  

La rivisitazione in chiave moderna è opera del figlio Luigi  che recita anche il ruolo del barone Edoardo: un nobile “senza l’ombra di un quattrino”,   votato a combinare cinicamente le nozze tra il nipote e la figlia di un commerciante di stoffe, per garantirsi una rendita futura. Tra le sue mire, anche quella di sposare la zia zitella: una 47enne tanto bruttina, quanto ricca.  Tuttavia, una condizione sarà posta dal padre al matrimonio tra la zia Teresa e il Barone: quella che si attenda fino alla nascita del primo nipote, frutto dell’unione tra la sua esuberante figlia, Claretta e lo strampalato baroncino Riccardo. Tra i sospetti della famiglia, c’è che il nobile timido e stralunato non sia adatto ad adempiere i doveri di marito. A comprovare l’ ipotesi, una lettera della madre defunta che il rampollo custodisce gelosamente. Tra le indicazioni elencate:  innalzare la donna su un “altare” da cui venerarla, senza mai toccarla …  Precetto che il rampollo sembra prendere alla lettera.

Una pièce tutta da ridere.  Ironica e giocata su quella comicità semplice, agevolata dall’uso del dialetto campano, che strappa sorrisi spontanei agli spettatori. Centrale è il tema della famiglia, com’era una volta, tra “miseria e nobiltà”.  Mai più azzeccata è stata la riflessione conclusiva di De Filippo che “augura a tutti un Natale leggiadro come questa rappresentazione, al riparo dalla degenerazione sociale che sembra prendere il sopravvento sulle cronache quotidiane delle nostre vite, ormai, rese avvezze al male.” Uno spettacolo che ricorda i buoni sentimenti, mettendo in scena un’ilarità sana. Eccezionale, a tal proposito, Luigi De Filippo, in grado di monopolizzare l’attenzione, con uno charme e una sagacia unici, nel nostro panorama teatrale. Da notare, anche la giovanissima Fabiana Russo, nelle vesti di Dorina, una cameriera pettegola e assai verace.  Una valanga di applausi, meritatissimi, per “La lettera di mammà” e il suo superbo cast, tutto napoletano.

La Lettera di Mammà, al Teatro Parioli di Roma dall’11 dicembre all’11 gennaio

commedia in due parti di Peppino De Filippo

Regia di Luigi De Filippo

Personaggi e interpreti

Claretta                             Claudia Balsamo

Luisa                                  Stefania Aluzzi

Giuseppina                       Fabiana Russo

Ernesto                             Riccardo Feola

Signora Carnale              Francesca Ciardiello

Dorina                                Marilia Testa

Teresa                                Stefania Ventura

Il barone Edoardo          Luigi De Filippo

Il baroncino Riccardo    Vincenzo De Luca

Gaetano                              Michele Sibilio

Cavalier De Rosa              Giorgio Pinto

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Mamma è tante cose

Cos’è una mamma?  Per chi non l’ha avuta è una stella. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei de…

Il museo Bernabò Brea di Lipari, uno dei più ricchi e meno conosciuti musei del Mediterraneo. Foto

In molte persone, la parola Eolie evoca istintivamente immagini di mare azzurro e spiagge incontaminate. Pochi, tra le migliaia di turisti che arrivano ogni anno, conoscono il museo di Lipari...

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

La bellezza ci salverà, scientificamente provato

Studi scientifici dimostrano l’importanza delle arti per il benessere psico-fisico  

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]