Mercoledì, 24 Dicembre 2014 15:08

“Pride”. Gli ultimi, imprescindibili primi. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA - “Pride” di Matthew Warchus, insignito al Festival di Cannes della Queer Palm - premio speciale assegnato ai lungometraggi gay friendly -  è ispirato a fatti realmente accaduti a Londra nel 1984, durante il braccio di ferro tra i minatori inglesi e il governo conservatore di Margharet Thatcher, responsabile di aver chiuso parecchi siti estrattivi in Galles e nello Yorkshire.

Il lungo sciopero istituito dai sindacati dei minatori ridusse sul lastrico molte famiglie e fu allora che un gruppo di donatori molto particolare, denominato “LGSM” (lesbian and gay support the miners) decise di offrire il proprio contributo.  Un movimento gay di Londra si organizzò in una piccola libreria di Bloomsbury  per raccogliere fondi a favore dei minatori, malgrado il disinteresse mostrato dal sindacato. Fu allora che Mark Ashton, fautore dell’iniziativa ebbe l’idea di bypassare le istituzioni sindacali, per rivolgersi direttamente alle famiglie degli operai. E fu così che gay e lesbiche entrarono in contratto con i cavatori del Galles del Sud ed ebbe inizio la loro avventura.

Nella piccola comunità di Dulais, il loro arrivo comportò scalpore e imbarazzo, ma cambierà radicalmente la mentalità dei residenti. Una storia nella storia è , invece, quella di Joe, un minorenne che farà i conti con la sua omosessualità e il suo desiderio di emancipazione dalla rigida famiglia piccolo borghese, infrangendone i tabù e i codici morali.  Da questa esperienza, la prima da attivista sociale, trarrà il coraggio necessario per vivere autonomamente la propria esistenza. 

Warchus riesce ad affrontare il tema dell’emarginazione e della diversità con humor e ironia. Una leggerezza che coinvolge anche lo spettatore meno sensibile ai temi sociali. Un lungometraggio che trae origine dalla realtà di un’epoca ricca di avvenimenti: la musica avanguardista dei Clash e Bronski Beat, le battaglie sociali e lo spettro dell’Aids. Agghiacciante il tono delle pubblicità progresso dell’epoca, che additavano gli omosessuali come i responsabili della diffusione della sindrome dell’immunodeficienza. 

Uno spaccato verosimile degli anni ’80, in memoria di un giovane attivista gay Mark Ashton, morto per Aids a 26 anni, che con la sua iniziativa di solidarietà raccolse oltre 20mila sterline e  strinse un patto di mutua collaborazione che ancora oggi resiste tra il sindacato degli omosessuali e quello dei minatori.  Sorprendente la performance del giovane statunitense Ben Schnetzer e del già famoso Dominic West.  Una colonna sonora di grande livello, targata anni ’80, che spazia dalla dance al rock: Sting, U2, Elton John, il gruppo icona gay Bronski Beat, Wham, Franky goes to Hollywood e i Queen e alcuni inediti composti da Christopher Nightingale.

Pride, dall’11 dicembre al cinema

Di Matthew Warchus

Con Bill Nighy, Imelda Staunton, Dominic West, Paddy Considine, George MacKay. BenSchnetzr

Pride - Trailer

 

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Ragazza di vita

Bellissima...  abitava nel suo corpo puro ma in egual tempo ingombrante nella sua sensuale pienezza. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Sport

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma protagoniste in Europa: che stagione può essere?

Lazio e Roma stanno dimostrando di poter essere grandi protagoniste sia in Italia che in Europa.

Redazione - avatar Redazione

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]