Venerdì, 06 Febbraio 2015 15:00

L’arciliuto.” Shakespeare, amore mio”. Maximilian Nisi in una sintesi del più delicato Shakespeare

Scritto da

ROMA - Quante facce poteva avere Shakespeare e quante migliaia di sfaccettature i personaggi da lui creati in una sterminata produzione che ancora oggi, a 450 anni dalla nascita del celeberrimo bardo di Stratford-upon-Avon, è più che ma viva ed attuale.

A celebrare l’anniversario ci ha pensato – tra gli altri - un interprete che non basterebbero l’aggettivo “eclettico”, “multiforme”, “malleabile”, “emotivo e razionale”, “lucido e pacato”, “straniante ed immedesimativo” etcetera etcetera… a definire. 

Non è solo una questione di lunga carriera, seppure giovanissimo, né l’intensa esperienza passata al fianco di registi come Ronconi, Strehler, Vasil'ev, Savary, Zanussi, Sepe e decine di altri, quanto la sua poliedrica versatilità e scioltezza ad incarnare personaggi contorni, sensibili, nevrotici e innamorati, a forgiare la sua forza sul palco. Maximilian Nisi, in tour per l’Italia in luoghi ameni e piccole bomboniere teatrali, sta infatti portando una sintesi del più delicato Shakespeare, avvolgendolo di fascino, mistero, università con il solo ausilio di una voce perturbante, di una gestualità incisiva in cui la comunicazione non verbale è alla pari dei versi recitati, tanto è diretta, e di un pianoforte suonato con passione e preparazione dalle abili dita di Stefano De Meo. Prossima tappa di Shakespeare  Amore Mio, concentrato dellabellezza del mondo e delle turpitudini dell'essere umano, è il Teatro Arciliuto di Roma, dove è già stato un paio di settimane fa registrando il tutto esaurito. Alla pari del suo ispiratore, Nisi crea in scena, aiutato da perfette punteggiature sonore tratte da Bach, Scarlatti, Prokofiev, Debussy, Storace e De Meo, non personaggi, ma vere e proprie personalità. Dal “Come vi piace” a “Romeo e Giulietta”, dall’”Amleto” al “Sogno di una notte di mezza estate”, l’excursus nei labirinti dell’esistenza umana diventa un’emozione di arte continua, drammatizzata da un incisivo studio sulla prossemica e sul rapporto parola-movimento-memoria, quasi ci fosse una macchina da presa a zoomare sui reading dei “Sonetti” in declamazione profonda d’attore o ad effettuare mirabili piani-sequenza sulle interpretazioni di corpo e mente di personaggi come Riccardo II e Giulio Cesare. La psiche sviscerata dalla parola e intelligentemente sintetizzata in questo gioiello performativo è la linea conduttrice di un percorso a mitraglia in cui la testa non smette di concentrarsi sulla vitalità testuali tanto quanto il cuore non cessa, palpitando, di far sognare l’animo drammaturgo che permane nel nostro subconscio, romantico alla pari di Shakespeare, sincrono alla sensibilità di un attore che dimostra di aver capito, oggettivamente e soggettivamente le potenzialità dei sentimenti sviscerati dal cantore britannico, nonché la modernità del suo linguaggio infinito. Lunga vita al prode William !


MAXIMILIAN  NISI

in

Shakespeare  Amore Mio

da

William Shakespeare

nel  450° anniversario dalla nascita

al  pianoforte

STEFANO  DE  MEO

Domenica 15 febbraio 2015 – ore 21:00

L' ARCILIUTO  -  PIAZZA  MONTEVECCHIO, 5 -  ROMA

Biglietto Intero Euro  12,00 - Ridotti Euro 10,00

Elisabetta Castiglioni

Giornalista e Promoter Culturale

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]