Mercoledì, 18 Marzo 2015 13:25

La solita Commedia - Inferno. A spasso tra i gironi dell’ umanità contemporanea

Scritto da

ROMA - C'è poco da fare: la coppia Biggio-Mandelli divide.

Ovviamente per l’umorismo aggressivo e caricato, che diverte alcuni palati e ne lascia perplessi altri. Ma anche per la scelta del linguaggio visivo, che si appoggia sui ritmi serrati tipici della tv (non a caso è la cornice in cui è nato il filone de “I soliti idioti”) e delle video playlist del web. Eppure La solita commedia - Inferno, primo capitolo di una trilogia di chiara ispirazione dantesca, è un film che funziona più di quanto ci si potrebbe aspettare, seppure con alcune soluzioni un po’ banali che si alternano a passaggi riusciti.

Il punto di partenza è l’inferno, la cui struttura è ormai obsoleta e poco adatta alle esigenze della società moderna. Minosse, guardiano degli inferi, ha un bel da fare nel tentare di collocare peccatori come “stalker” e “hacker” nei gironi tradizionali. Chiede allora aiuto al suo principale, Lucifero, che a sua volta si rivolge direttamente ai vertici, ovvero a Dio (Paolo Pierobon) in persona. Si decide così di inviare nuovamente Dante Alighieri (Francesco Mandelli) sulla terra per catalogare in nuovi peccati e progettare nuovi gironi. E quale luogo più rappresentativo del peggio può esserci, se non l’Italia? Dante si reca nel Bel Paese, e sotto la guida del trentenne precario Demetrio Virgilio (Fabrizio Biggio) inizierà un viaggio tra i vizi e le bassezze di questa umanità contemporanea. Scoprendo non solo nuovi peccati, ma anche vere e proprie bolge infernali già attrezzate sulla terra: l’affollatissimo bar alle 8 di mattina, il traffico nell’ora di punta, il condominio, e le terribili discoteche, dove musica assordante e pessime bevande vengono pagate inspiegabilmente a caro prezzo.

Gli sketch si susseguono a ritmo serrato, accompagnati dalle terzine di endecasillabi composte dal regista Martino Ferro. La pellicola è divertente, e nonostante la struttura caratterizzata dall’accostamento di gag, il filo conduttore ripreso dalla Commedia riesce a tenere insieme il tutto, anche se non perfettamente. Certo, si punta molto sul grottesco, e su una comicità che talvolta, come abbiamo detto, può risultare eccessiva. Basta prendere la parte iniziale in paradiso: Dio è praticamente un dirigente d’azienda stressato, che beve whiskey e fuma una sigaretta dietro l’altra. Fatica a star dietro a tutti gli impegni nonostante il dono dell’ubiquità, e in più deve badare a suo figlio: un Gesù in versione adolescente (Tea Falco) che pratica judo e non si separa mai dal suo smartphone. Troppo, diranno alcuni. Ma il tentativo, come accade in tutto il film, è quello di parlare di noi e del nostro mondo. La comicità un po’ volgare e la componente grottesca dominano i toni, ma basta fermarsi un attimo per accorgersi che forse quel grottesco appartiene un po’ anche al mondo in cui viviamo, e non solo alla finzione filmica. Non è difficile allora riconoscere in peccatori come il prevaricatore di file al supermercato, o il dipendente da social network, noi stessi o qualcuno che conosciamo. Biggio e Mandelli ci fanno ridere delle nostre miserie quotidiane, ma un pochino riescono a farci riflettere. Perché magari il Ministero della Bruttezza, che opera di nascosto per orientare mode e abitudini verso il peggio, esiste solo nel film. Ma è fuor di dubbio che quella stessa bruttezza non è difficile da trovare, intorno a noi. 

Certo, parlare di arguta analisi sociale sarebbe un’esagerazione: in fondo l’obiettivo principale resta far ridere. Ma La solita Commedia - Inferno è un film che con tutti i suoi limiti, non si esaurisce nella risata, e in questo senso sorprende. I due “Soliti Idioti” lo saranno magari di nome, ma non lo sono di fatto, e anzi, dimostrano una certa capacità di osservazione. Del resto, anche il loro personaggio più noto, Ruggero De Ceglie, era volgare e scorretto. Ma non più di quanto può esserlo il mondo in cui viviamo.

La solita Commedia - Inferno

USCITA NELLE SALE: 19 marzo 2015

GENERE: Comico

REGIA: Fabrizio Biggio, Francesco Mandelli e Martino Ferro

SCENEGGIATURA: Fabrizio Biggio, Francesco Mandelli e Martino Ferro

ATTORI: Fabrizio Biggio, Francesco Mandelli, Tea Falco, Marco Foschi, Paolo Pierobon, Gian Marco Tognazzi, Daniela Virgilio, Giordano De Plano, Walter Leonardi, Marco Ripoldi, Massimiliano Loizzi

FOTOGRAFIA: Marco Bassano

MONTAGGIO: Valentina Mariani

MUSICHE: Pasquale Filastò

PRODUZIONE: Wildside

DISTRIBUZIONE: Warner Bros. Pictures

PAESE: Italia

DURATA: 95 Min                                                                                                                                                      

La solita commedia – Inferno - Trailer

 

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]