Domenica, 05 Aprile 2015 19:27

La famiglia Bélier. Eric Lartigau: “Quello che determina la diversità è lo sguardo degli altri”

Scritto da

ROMA - La famiglia Belier è la nuova commedia francese che dopo l’enorme successo in patria è arrivata in Italia suscitando grande interesse. Diretto da Eric Lartigau la commedia racconta la storia di una coppia di sordi con due figli di cui una,Paula, è udente.

Una famiglia che vive felicemente dedicandosi al lavoro nella loro  fattoria che produce formaggi. Paula è una ragazza felice, che vive tranquillamente l’handicap dei suoi genitori senza nessuna vergogna, fa loro da interprete, studia e si dedica insieme al fratello al lavoro in fattoria. Tutto va bene fino a quando il professore di canto di Paula, intravede in lei un dono canoro naturale  e la incoraggia a partecipare a un concorso a Radio France a Parigi, scatenando così una serie di conflitti, davvero molto divertenti, con la sua famiglia.

D. Com’ è arrivato all’idea di un film con la  Famiglia Belier? 

E. L. Da tempo volevo realizzare un progetto sulla famiglia, sulle dinamiche  complicate che legano i componenti e anche sull’abbandono  che si prova quando qualcuno della famiglia lascia il nucleo familiare. La famiglia è un soggetto universale che è stato trattato mille volte nel cinema, ma è un tema che m’interessa molto perché la famiglia è un luogo dove nascono tutte le emozioni primarie, gioia, dolore, traumi.. 

D. L’unico attore non udente è Luca Gelberg che interpreta la parte del fratello di Paula, come si è integrato all’interno di un cast cinematografico?

E. L. Benissimo. Tra l’altro Luca aveva un apparecchio con cui riusciva a sentire i suoni, ma ho preferito toglierglielo durante le riprese del film, perché lui doveva essere inserito nel suo mondo, e doveva trasmettere l’assoluto silenzio in cui vive. Ed è andata benissimo.  Era la prima esperienza di Luca come attore, che era molto sorpreso dalla quantità di gente che c’era sul set, ma poi in pochi giorni è diventato tutto assolutamente naturale, Luca era pieno di entusiasmo e non ha avuto nessun problema anche perché era l’unico del cast che non doveva studiare la lingua dei segni. Luca era felice di lavorare con attori così importanti, e poi ha dato consigli, aiuti. Fra noi si è instaurata una grande complicità, alcune volte gli parlavo senza usare la voce e l’unico a capire era lui, che riusciva a leggere le labbra.

D. Colpisce molto la bravura e la naturalità di tutti i protagonisti nell’usare la lingua dei segni, da Francois Damiens che è davvero strepitoso

E.L. Abbiamo tutti dovuto imparare la lingua dei segni che è estremamente complicata, è una lingua evolutiva ed ha bisogno di applicazione e di studio. Io me la sono cavata studiando soltanto i dialoghi del film invece Francois Damiens, Karin Viard e Louane Emera hanno dovuto studiare con un professore per sei mesi e per quattro ore al giorno, per apprendere al meglio la lingua ed essere il più naturale possibile, anche nelle espressioni, nei gesti. Alexei Coica, sordo e insegnante di LsF( lingua dei segni francesi, LIS in italiano) e Jennifer Tederri, interprete, che  hanno seguito tutta la lavorazione sul set perché gli attori spesso si lasciavano andare all’improvvisazione e lui doveva stare attento che avessero fatto i segni giusti, che non ci fosse il benché minimo errore. 

D. Come ha reagito la comunità dei non udenti vedendo il film?

E.L. Abbiamo fatto delle proiezioni test dedicate a loro per vedere che tipo di reazione ci sarebbe stata e il 98% del pubblico ha parlato bene, gli è piaciuto tanto, e lo ha trovato credibile, mentre il 2% ha criticato il fatto che abbiamo usato attori udenti, perché ci sono tanti attori in Francia anche bravi sordomuti, ma la mia risposta è stata che volevo quegli attori per quelle parti nessun altro, già mentre scrivevo le scene vedevo Francois Damiens e Karin Viard, poi non è che per far interpretare un assassino chiamo un criminale.  

D. Comunque il mondo dei non udenti è complicato e spesso non comunica minimamente con quello degli udenti .  Nel film c’è una reazione molto dura della madre verso la figlia Paula, come se non accetti che la figlia sia “normale”.

E.L.  I due mondi sono molto separati, malgrado la lingua dei segni, in fondo c’è un handicap completo che li isola, è difficile che abbiano rapporti con gli udenti  e c’è quasi un risentimento. Ma quello che spesso determina la diversità è lo sguardo degli altri, è per questo che mi sono divertito a spingere gli spettatori dove fosse la normalità. 

D. Ha diretto questo film in maniera diversa? In fondo gli attori non pronunciano una sola parola.

E.L. E qui sta la grandezza di Francois Damiens e Karin Viard, che tra l’altro sono molto esuberanti e chiacchieroni sul set. Per me non c’è stata nessuna differenza. L’espressione del viso e dei gesti è comunque un linguaggio. L’unica differenza stava nel fatto che ad ogni ciak dovevo avere l’avvallo di Alexei, per avere la sicurezza che i gesti fossero giusti, per il resto era solo un set più silenzioso.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]