Venerdì, 13 Maggio 2011 13:58

Venezia 68. Marco Bellocchio, “Marcia Trionfale” verso il Leone d'oro alla carriera

Scritto da

VENEZIA - Il Cda della Biennale di Venezia ha deciso di assegnare a Marco Bellocchio il Leone d'oro alla carriera. Lo ha proposto il direttore della mostra cinematografica Marco Mueller con queste motivazioni: «Traghettatore di idee, esploratore  del confine instabile tra se stesso, il cinema e la storia, ha utilizzato come mappa, per orientarsi, il mondo che comincia oltre i confini della realtà visibile (e nell'inconscio). E ha così trovato i modi di espressione più vitali e "giusti" - per raccontare l'urgenza di saperi, individuali e collettivi, indeboliti, o svaniti».



Alla mostra verrà presentato il riveduto e corretto Nel nome del padre (1971). Non è un'opera restaurata ma  una versione nuova realizzata dal regista a partire dai materiali del film stesso: 90' minuti contro i 105' della vecchia versione. Marco Bellocchio spiega: « In tutti questi anni (quaranta) mi è tornata in mente, a intervalli vari, anche lunghissimi, l'idea, la convinzione che Nel nome del padre non avesse ancora trovato la sua forma definitiva. (…)  Molta cultura, figlia di quegli anni, magari irrisa, in quest'ultima versione è stata almeno contenuta a favore della storia, dei personaggi, degli affetti più semplici e diretti. Ho tagliato, accorciato, non ho aggiunto nulla. Le "invenzioni" politiche nel film non mancano, assolutamente legittime (basti pensare alla lotta di classe tra servi e preti, del tutto inesistente nella mia esperienza di collegiale), ma forse manca quella passione, esaltazione, fede, cecità che aveva posseduto sinceramente Eisenstein quando faceva i suoi film di propaganda, che però erano e sono dei capolavori... >>


Marco bellocchio nei suoi primi film si è fatto interprete della rivolta sessantottina contro le istituzioni. Nonostante il suo cinema sia chiaramente orientato a sinistra, nelle sue intenzioni non c'è mai stata  propaganda politica, ma disvelamento di  ipocrisie e contraddizioni della classe borghese.   Ha esordito nel 65 alla Mostra di Venezia con I pugni in tasca, film autobiografico in cui affronta il progressivo sgretolamento dei valori familiari. Si avvicina poi al cinema militante con La Cina è vicina (1967) e Nel nome del padre (1971). Riscuotono minor successo film come Matti da slegare (1975) in cui affronta il problema dei manicomi italiani e Sbatti il mostro in prima pagina (1972) sul mondo del giornalismo.


Uno dei suoi film di più popolari è  Marcia trionfale con Michele Placido, Franco nero e Miou-Miou. Racconta di un  soldato laureato,  timido e distinto per natura, che durante la leva si trova a disagio con istruttori, caporali e sergenti. Il suo capitano si trova, a sua volta,  alle prese con una galoppante nevrosi dovuta alla concezione autoritaria della vita militare. Scelto il soldatino come pupillo e cavia, lo brutalizza e, in tal modo, ne conquista l'amicizia. L’altro diviene confidente del superiore,  spia e poi amante della moglie.


Bellocchio nel 1994 vince l'Orso d'Argento al Festival di Berlino con Il sogno della farfalla, mentre nel 1999 con La balia vince il David di Donatello per i costumi e quattro Ciak D'Oro. Nel 2002 presenta a Cannes L'ora di religione, che gli vale una menzione speciale della giuria ecumenica, quattro Nastri d'argento e il Davide di Donatello come migliore attrice non protagonista a Piera Degli Esposti. Nel 2003, con Buongiorno, notte, ottiene a Venezia il premio per il contributo artistico individuale  di particolare rilievo. Nel 2005 al Festival di Cannes presenta Il regista di matrimoni, film che ottiene due Nastri d'argento. Sempre a Cannes nel 2008 presenta Vincere, che riscuote un gran successo e vale all'interprete principale, Giovanna Mezzogiorno, il Nastro d'argento come migliore interprete femminile.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Il passato è nei sogni

Il passato non passa ci si inciampa sempre.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]