Martedì, 30 Giugno 2015 14:58

Fantafestival. Grande finale con i premiati

Scritto da
Fantafestival. Grande finale con i premiati Foto Sam Stoner

ROMA (nostro inviato) - Si è chiusa la XXXV edizione del FANTAFESTIVAL (Mostra Internazionale del Film di Fantascienza e del Fantastico – dal 22 al 29 giugno 2015), diretta da Adriano Pintaldi e Alberto Ravaglioli – promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Cinema, e realizzato in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale.

Assegnati i Pipistrelli d’oro a “Landmine Goes Click” di Levan Bakhia (Pipistrello d’Oro al Miglior Film Straniero) e “Index  Zero” di Lorenzo Sportiello (Pipistrello d’Oro al Miglior Film Italiano). Nella sezione corti premiati “Memories” di Vincenzo Alfieri (Pipistrello d’oro al Miglior Cortometraggio Italiano) e “The Mill at Calder’s End” di Kevin Mc Turk (Pipistrello d’oro al Miglior Cortometraggio Internazionale)  la cui protagonista, Barbara Steele, è anche la madrina di questa edizione del Fantafestival. Pregevolissimo cortometraggio animato capace di far immergere lo spettatore in un mondo sospeso tra il realismo e l’onirico con una perfetta fotografia e una storia molto coinvolgente. Il regista, presente alla proiezione ci ha parlato di come è nato questo progetto. “Io mi occupo  di effetti con le creature da oltre venti anni, ho lavorato in film come Jurassic Park. Volevo realizzare un film che potesse celebrare il mio amore per i film cult degli anni Sessanta come quelli di Mario Bava e  Roger Cormam, avere un’attrice icona come Barbara Steele e unire la mia passione per i burattini. Quelli usati per il cortometraggio sono alti un metro, sono state necessarie tre persone per manovrare ciascun burattino. Ho ancora il burattino che interpreta lei. Quello che è la riproduzione di Peter Cushing è stato venduto al regista Guillermo del Toro. Questo mi ha consentito di pagarmi la post produzione”.

Infine, come consuetudine, è stato assegnato il Premio Mario Bava (curato da Leopoldo Santovincenzo e Carlo Modesti Pauer della trasmissione Wonderland – Rai4) dedicato alla memoria del maestro del cinema del brivido. Assegnato dal Fantafestival  alla Migliore Opera Prima tra i film italiani selezionati, quest’anno vinto da “Fantasticherie di un passeggiatore solitario” di Paolo Gaudio.

Ospite d’eccezione l’attrice britannica Barbara Steele, icona del cinema Horror mondiale alla quale è stato assegnato il Premio alla carriera. Presente in un elegante abito nero ha regalato ai presenti qualche ricordo dei soggiorni romani, dei registi e dei set di alcuni tra i più grandi capolavori della cinematografia mondiale e di genere. Una Barbara Steele in gran forma che non rappresenta solo il cinema horror del passato ma anche del presente, non a caso è protagonista in due lungometraggi usciti nel 2014.

Prima dell’assegnazione del premio alla carriera è stato proiettato un documentario realizzato dalla redazione di Wonderland. Nel documentario è stata ripercorsa la lunga e variegata carriera della Steele sia in Italia che negli Stati Uniti.  Ed ecco scorrere sullo schermo Bela Lugosi, Christopher Lee,  e registi del calibro di Corman, Demme, Hitchcock, Fellini, Bava, solo per citarne alcuni.

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]