Lunedì, 13 Luglio 2015 15:07

Capalbio Festival. Tutti i premi

Scritto da

CAPALBIO - Sono stati consegnati a Capalbio (Grosseto) i premi finali della ventiduesima edizione del Capalbio International Film Festival, fondato da Stella Leonetti - con padrino all’epoca Michelangelo Antonioni - e diretto da Tommaso Mottola, che si è tenuto in varie location e che ha presentato il meglio della produzione internazionale di cortometraggi.

Due le Giurie chiamate a giudicare i corti del festival. La Giuria del Gran Premio formata dallo scrittore Maurizio Maggiani, dal direttore della fotografia Luca Bigazzi, dall'attrice Sara Serraiocco, dal montatore Michal Leszczylowski (montatore, tra gli altri di Sacrificio, di Andrei Tarkovsky, di Eat prey and die, Fucking Amal, Lilia forever e del recente Signorina Julie, di Liv Ullmann) e dal giornalista Bruno Manfellotto. Quindi, la Giuria del Premio World of Maps composta dal critico cinematografico Johnny Palomba, da Matthew Takata, curatore del Sundance Festival e da Alix Davonneau, addetta all'audiovisivo dell'ambasciata di Francia in Italia.

Premio Miglior Film:


”The bravest, the boldest” (Stati Uniti), di Moon Molson con la seguente motivazione: "In 17 minuti il registaaffronta l’ardua sfida della Verità rifiutata e vissuta e mette a nudo la crudezza a stelle e strisce della Guerra e dell’Istituzione. Un film potente e disperato. Difficile da dimenticare. Racchiuso in un titolo ambivalente: che può essere letto pensando al protagonista che non si vede e che non c’è più; o alle due ragazze che cantano e ballano ricordandoci che la vita, a dispetto di tutto, deve continuare”.

Premio Miglior Regia a:


ex aequo a ”The bravest, the boldest” e “Discipline” con la seguente motivazione: “Un film è anche il suo regista. E allora il premio non può non andare a “The bravest, the boldest” dove soggetto, sceneggiatura, fotografia, recitazione e, appunto, regìa mirabilmente si fondono. Ma regìa è anche la capacità di dirigere una folla di svizzeri e di egiziani che in un supermercato di Losanna trasformano un piccolo episodio di ordinaria disubbidienza puerile in una disputa insulsa e irrazionale, un comune richiamo alla disciplina in un’esplosione di incontrollabile, generale indisciplina nella quale emergono arroganza, intolleranza e una sotterranea vena di razzismo. E dunque un premio va anche a M. Christophe Saber che nel suo “Discipline” ha saputo raccontare la metafora di ben più vaste e irrefrenabili contese tipiche della stagione che viviamo con una non comune dose di ironia”.

Premio Stella Miglior Attore a:


Noomen Hamda per il film Pére di Lotfi Achour (Tunisia), con la seguente motivazione: “Per la vivacità espressiva e la capacità di variare all’ interno di un ruolo in cui interpreta con precisione la dignità di un padre amorevole”.

Premio Stella Miglior Attrice a: 


Yvonni Maltezou per il film Joanna, di Panogiotis Fafoutis (Grecia), con la seguente motivazione: “Per come interpreta il ruolo di una donna dalla rigorosa fermezza, una sorta di emblema della situazione greca”.

Premio Miglior fotografia a:


O Corpo, di Lucas Cassales, con la seguente motivazione: “All’interno di un film evidentemente low budget, la fotografia attraverso l’uso della luce, riesce ad essere evocativa e strumento di narrazione.

Quindi i premi della sezione Junior Kids e Junior Teens, scelti dalla Giuria di bambini e ragazzi che hanno visionato i cortometraggi nel cinema Tirreno di Borgo Carige, che ha decretato i seguenti premi:

Sezione Junior Kids:


ex aequo per Tre Tosser, di Peter Hausner (Danimarca) e Kite, di Gavin moran  (Gran Bretagna)

Sezione Junior Teens:


Premio a Due piedi sinistri, di Isabella Salvetti (Italia), con la seguente motivazione: “Un film di speranza, sorprendente,  intelligente molto realistico, un film che parla di passioni. Varie passioni: per il calcio, per la tua ragazza o il tuo ragazzo, ma anche per il cibo!

Il Premio Marsh sezione Work Safely per la sicurezza sul lavoro è stato consegnato al regista e sceneggiatore italiano Giorgio Martignoni, per il suo corto Radio Sicura, perchè, si legge nella motivazione, “Educa alla prevenzione senza utilizzare un linguaggio tecnico o didattico e affronta il rischio da un punto di vista diverso, perché racconta una storia ma senza drammatizzare il tema e crea un forte connubio tra il mondo del cinema e la sicurezza sul lavoro”. Marsh ha anche consegnato una Mensione Speciale al corto inglese The Fly, di Olly Williamsperché, ha segnalato la giuria, "ci ha offerto una visione della sicurezza sul lavoro alquanto inedita con un approccio decisamente ironico".

Premio Reset Doc a:


Discipline”, di Christophe M. Saber (Svizzera)

Premio ADCI a:


Sexy Boy”, di Gianluca Manzetti (Italia), con questa motivazione: “Premiamo l’idea creativa di Sexy boy per la sua capacità, rispetto ai corti selezionati, di rappresentare una possibile visione del concept del Festival, Il cinema ai tempi del selfie. Sexy boy porta alle estreme conseguenze l’ossessione narcisistica dei nostri tempi, racconta in modo iperbolico l’importanza che diamo al consenso. E il bisogno insano di piacere agli altri a tutti i costi”.

Menzione speciale ADCI a:


Bar, di Pascal Florks, con la seguente motivazione: “Per l’idea di esecuzione che risulta essere antica e contemporanea allo stesso tempo”.

Premio Rigenerazione a:


Daphne ou la belle plante”, di Sébastian Laudenbach e Sylvain Derosne (Francia) con la seguente motivazione:“Un ritratto sensibile e delicato di una spogliarellista che riflette sul suo lavoro. Un brillante monologo sovrapposto a immagini sull’evoluzione naturale di un albero… oltre i giudizi della società”.

Menzione Speciale Rigenerazione a:
The bravest The boldest”,  di Moon Molson (Stati Uniti), con la seguente motivazione: “Un eccellente ritratto sull’impatto che la guerra ha sulle famiglie che aspettano a casa”.

Premio Wom a:
Demontable”(Olanda), di Douwe Dijkstra, con la seguente motivazione: “Il corto racconta magistralmente come le informazioni dei media interferiscano con la nostra vita quotidiana senza un’inutile retorica".

Madrina di Capalbio Cinema 2015 è stata l'attrice Tatiana Luter, volto emergente del cinema Italiano, interprete di Youth - La Giovinezza, di Paolo Sorrentino, ma già in Pasolini, di Abel Ferrara, nell'ultimo film diretto da Silvio Muccino, Le leggi del desiderio, nel nuovo film di Matteo Rovere, Italian Race, protagonista assoluta di Surrounded, di Federico Patrizi e Laura Girolami e di In the car, opera prima di Giuseppe Fulcheri.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Le parole

Le parole strumenti nelle nostre mani scritte ripetute vogliono essere comprese.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]