Sabato, 22 Agosto 2015 11:22

“Partisan”. Thriller psicologico con Vincent Cassel. Recensione. Trailer

Scritto da

ROMA – “Le regole sono regole e sono importanti, altrimenti anche ‘noi’ saremmo uguali a ‘loro’”. Questo è il motto di Gregori, carismatico leader di una Comunità di giovani donne e bambini maltrattati, in cerca di un nuovo equilibrio.

Gregori è un uomo misterioso e affascinante: si prende cura dei suoi protetti, come fossero una famiglia allargata alla quale trasmettere valori da rispettare senza avere dubbi. Ha costruito una sorta di oasi, in un’abitazione isolata alla periferia di una piccola città dove insegna loro a usare le armi, a uccidere a sangue freddo, inviandoli a spietate missioni omicide all’esterno contro chiunque capiti. 

La vita di tutti scorre apparentemente serena, quando nella Comunità arriva Rosa, una giovane madre emarginata, con il figlio Leo, ragazzino particolarmente sensibile e ribelle. La personalità di Leo porta scompiglio nella Comunità: è diverso, emotivo, disubbidiente, con un senso di giustizia sconosciuto agli altri. Alexander, il figlio prediletto di Gregori, si lega immediatamente a Leo e tra loro nasce una profonda amicizia. Alexander è un bambino curioso, intelligente, attratto dal mondo esterno, che non percepisce come violento. Le prime difficoltà sorgono quando Alexander inizia a mettere in discussione l’autorità del suo mentore, dopo aver scoperto che anche lui è un bugiardo. I seguito all’ennesima discussione con Leo e Rosa, i due spariscono e Alexander si rende conto che il responsabile di tutto è proprio Gregori: sentendosi tradito, inizia a ribellarsi agli insegnamenti di Gregori, inorridendo delle missioni omicide, della sua visione deviata del mondo. Alla vigilia del suo dodicesimo compleanno Alexander ha un solo desiderio: riuscire a ottenere la libertà e  compiere scelte autonome, proteggendo la mamma e il neonato fratellino, Tobias, dalla cattiva influenza di Gregori...

Inquietante, claustrofobico, originale, “Partisan”, in tutte le sale italiane dal prossimo 27 agosto, è un thriller psicologico dal ritmo incalzante. L’azione si svolge quasi interamente all’interno della Comunità di donne e bambini guidata da Gregori, magistralmente interpretato da un inedito Vincent Cassel, tuttavia, man mano che Alexander si rende conto della negatività del suo tutore, la tensione si fa tanto palpabile da mozzare il fiato. Come ha dichiarato lo stesso regista, Ariel Kleiman, Gregori è una sorta di Pifferaio Magico che usa l’arma più potente che esista, la parola, ammaliando gli indifesi con l’illusione di un’alternativa apparentemente idilliaca a un mondo che lui odia e dal quale vuole isolarsi, predicando la violenza. Il personaggio di Alexander è il vero eroe della storia, un bambino molto maturo per la sua età, che, a dispetto dell’educazione ricevuta, capisce l’importanza di un pensiero indipendente. Il giovane attore Jeremy Chabriel, al suo debutto, lo interpreta in modo impeccabile, grazie al suo sguardo intenso e a un talento naturale verso la macchina da presa, nutrito da tanto entusiasmo e curiosità. La sinergia tra gli attori, sia adulti, sia bambini, è ottima e la sceneggiatura fa suoi numerosi echi della nostra Storia recente, guidandoci in profonde riflessioni sulla nostra responsabilità verso le nuove generazioni, sull’importanza delle regole imposte e autoimposte, sulla difficoltà di mantenere il giusto equilibrio tra autorevolezza e autonomia nell’educare i bambini, tele bianche da dipingere secondo le loro inclinazioni, non da sporcare con pregiudizi e luoghi comuni.

DATA DI USCITA: 27 AGOSTO 2015

DISTRIBUZIONE: I WONDER PICTURES

GENERE: THRILLER

ANNO: 2015 

REGIA: ARIEL KLEIMAN

SCENEGGIATURA: ARIEL KLEIMAN E SARAH CYNGLER

ATTORI: VINCENT CASSEL, JEREMY CHABRIEL, FLORENCE MEZZARA

FOTOGRAFIA: GERMAIN MCMICKING

MONTAGGIO: JACK HUTCHINGS, CHRIS WYATT

MUSICHE: DANIEL LOPATIN

SCENOGRAFIA: STEVEN JONES-EVANS APDG, SARAH CYNGLER

COSTUMI: MARIA PATTISON, SARAH CYNGLER

MAKE UP: ANGELA CONTE

PRODUZIONE: ANNA MCLEISH, SARA SHAW, NIGEL WILLIAMS

Partisan – Trailer in inglese

 

Alessandra Rinaldi

Giornalista, blogger e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]