Mercoledì, 04 Novembre 2015 19:03

Teatro Parioli. Un “Cyrano de Bergerac”, da non mancare. Recensione

Scritto da

Cyrano è ciò che ognuno di noi vorrebbe essere e nel contempo ciò che non vorremmo mai

ROMA - Cyrano. Chi non lo conosce? Chi non conosce le parole che Edmond Rostand, l’autore,  scrive per lui? Cyrano è un’opera universale perché capace di toccare ogni persona nel profondo. Cyrano è ciò che ognuno di noi vorrebbe essere e nel contempo ciò che non vorremmo mai. È puro e ingenuo come un bambino, forte e coraggioso come un leone, ironico e capace di catturare ogni sfumatura dell’animo umano, tranne il proprio. 

Cyrano, l’uomo dal naso deforme innamorato della propria bellissima cugina Rossana. Un amore mai rivelato per paura del rifiuto, dello sbeffeggio. Eppure l’amore trova la sua via, sgorgando impetuoso dal petto di Cyrano seppur vestito con gli abiti del bellissimo Cristiano. E che dire di Rossana? Donna fatua, superficiale e sciocca perché sensibile alla bellezza esteriore? Forse, ma chi non viene catturato da ciò che è bello? Rossana però pur affascinata inizialmente dall’estetica poi penetra quella bellezza ed esige che sia animata dal cuore e dall’anima, quelle appunto di Cyrano.

Quante infinite letture ci offre quest’opera! Straordinaria come straordinaria è la messa in scena al Teatro Parioli Peppino De Filippo. Una compagine di attori imponente per drammaticità e affiatamento. Una scenografia che sorprende e si incastra alla perfezione con il testo. E su tutti, la magnifica interpretazione di Antonio Zavatteri. Ci si incanta a vederlo sulla scena, sembra che questo ruolo sia stato scritto per lui. Intenso e commovente, getta sul pubblico le frustrazioni e insicurezze di Cyrano senza nemmeno parlare. La sua fisicità e la sua mimica sembrano danzare al ritmo delle emozioni. 

Merito anche degli altri attori, tutti co-protagonisti. Alberto Giusta - Conte De Guiche, Alice Arcuri - Rossana, Marco De Gaudio - Cristiano, Roberto Serpi - Le Bret,Cristiano Dessì - Lignière, un frate, un cadetto, Matteo Alfonso - Ragueneau, Lorenzo Terenzi - Il Visconte di Valvert - un cadetto, Sarah Pesca – Montfleury - la governante – Lisa - un cadetto - Suor Marta, Davide Gagliardini - un ladro - un cuoco - un cadetto - un sacerdote. Si ride (molto), ci si commuove e ci si indigna, si partecipa a quanto accade in scena perché l’intero teatro diventa proscenio con gli attori tra il pubblico, mai coinvolto ma sempre solo affascinato.

Al teatro Parioli Peppino De Filippo fino all’8 novembre.

Cyrano de Bergerac

di Edmond Rostand               traduzione di Mario Giobbe

con:

Antonio Zavatteri  - Cyrano

Alberto Giusta - Conte De Guiche

Alice Arcuri - Rossana

Marco De Gaudio - Cristiano

Roberto Serpi- Le Bret

Cristiano Dessì - Lignière, un frate, un cadetto

Matteo Alfonso   - Ragueneau

Lorenzo Terenzi - Il Visconte di Valvert, un cadetto

Sarah Pesca - Montfleury, la governante, Lisa, un cadetto, Suor

Marta

Davide Gagliardini  - un ladro, un cuoco, un cadetto, un sacerdote

regia :Matteo Alfonso e Carlo Sciaccaluga

scene e costumiGuido Fiorato

luciSandro Sussi

musicheAndrea Nicolini

promozione Paolo Zanchin

organizzazioneNadia Fauzia

Ingresso: platea 22 euro ; galleria 18 euro

Teatro Parioli Peppino De Filippo  Via Giosuè Borsi 20, 00197 – Roma 

tel . 06 8073040

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]