Mercoledì, 18 Novembre 2015 13:25

Film. “In fondo al bosco”. Noi, insospettabili mostri. Recensione

Scritto da

ROMA - Fin dai tempi antichi, ogni 5 dicembre gli abitanti, di un piccolo ed isolato villaggio tra le montagne del Nord Italia, sfilano tutta la notte, sino all’ alba, travestiti da diavoli.

Questa ricorrenza è chiamata la festa dei Krampus, la cui leggenda vuole che, tra gli uomini travestiti, scenda il Diavolo in persona, per rapire i bambini che sono stati cattivi. Da qui prende il via una tragedia che colpirà profondamente una famiglia e tutto il villaggio, perché proprio durante la festa dei Krampus il piccolo Tommaso Conci, di soli 4 anni, sparisce nel nulla. Vane saranno le ricerche e, mano a mano che il tempo passa, i dubbi cadono sul padre, Manuel Conci, descritto, da giornalisti sciacalli, come un mostro. Senza prove e soprattutto senza un corpo delittuoso, l’ uomo viene scagionato dalla giustizia. Non dai pregiudizi. Passano cinque anni, durante i quali Linda, la madre di Tommaso Conci, già malata di depressione, tenterà di togliersi la vita. Intanto il rapporto con il marito Manuel, logoro da tanto tempo, si è congelato in un limbo di silenzio.A sconvolgere, nuovamente, le loro vite una notizia: Tommaso è stato ritrovato. Il bambino, ormai cresciuto, è proprio loro figlio, lo conferma il DNA. L’ iniziale gioia, però, si tramuta presto in una spirale di sospetti taciuti, di paura e di mistero. Manuel soltanto sembra essere felice per il ritorno del figlio, benché di nuovo si trovi solo contro i pregiudizi. In un crescendo di situazioni, scopriremo la realtà aberrante che si cela dietro il mistero di Tommi, e di un paese, apparentemente, popolato di ‘gente per bene’.

Con delle location mozzafiato, ed un budget low cost che rende merito al regista  una storia che si muove tra  Mistery e  thriller, ‘In fondo al bosco’ attinge dai fatti di cronaca che tanto hanno segnato il nostro paese, ricordandoci che spesso il Mostro non è colui che viene tutti sospettano, ma  il più delle volte, tutti noi siamo dei mostri, nascosti dietro maschere di perbenismo, finta bontà e realtà celate. Nessuno è innocente.

Nelle sale dal 19 Novembre 2015.

CAST ARTISTICO:

Manuel: Filippo Nigro

Linda: Camilla Filippi

Tommaso: Teo Achille Caprio

Vettorazzo: Giovanni Vettorazzo

Hannes: Stefano Detassis

Else: Maria Vittoria Barella

Flavio: Roberto Gudese

Dimitri: Luca Filippi

Tommaso: Alessandro Carobi

CAST TECNICO:

Regia di Stefano Lodovichi

Sceneggiatura: Isabella Aguilar, Stefano Lodovichi, Davide Orsini

Direttore della fotografia: Benjamin Maier

Montaggio: Roberto di Tanna Amc

Scenografia: Daniele Fabretti

Costumi: Ginevra De Carolis

Presa diretta: Riccardo Amorese

Story editor: Nicola Lusuardi

Prodotto da : Manuela Cacciamani- onemore pictures

In fondo al bosco - Trailer

 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077