Martedì, 24 Novembre 2015 12:18

Teatro Quirino. “Passati col rosso”: quarant’anni di comico Belpaese. Recensione

Scritto da

ROMA – Ne hanno fatta di strada insieme: un’avventura lunga quarant’anni che i geniali comici Gino & Michele hanno voluto festeggiare, assieme al loro pubblico e a molti colleghi presenti in sala, al Teatro Quirino, in una serata evento davvero speciale, che si è tenuta ieri. 

La coppia più longeva della comicità italiana ha calcato, per la prima volta, il palcoscenico, ripercorrendo, in un esilarante reading concerto, dal titolo “Passati col rosso”, le principali tappe di una lunga carriera. A cominciare dal debutto, nel lontano 1976, dai microfoni di Radio Popolare, passando attraverso citazioni da “Cuore”, “Tango”, “Smemoranda” e dal loro indimenticabile bestseller, edito da Einaudi, “Anche le formiche nel loro piccolo si incazzano”, Gino & Michele raccontano la Storia degli ultimi quarant’anni del nostro Paese, tra satira e comicità, cultura e attualità.

Si alternano le biografie, inventate, ma credibili, di alcuni tra i personaggi più in vista dell’Italia di ieri e di oggi, come Berlusconi, Agnelli, Maradona, alle pagine memorabili legate alla vita metropolitana della Milano degli anni Ottanta e Novanta, come quella dedicata alla simpatica signora bionda che parcheggia sempre la sua Cherokee 4x4 in doppia fila, bloccando il traffico, fino ai testi scritti per gli spettacoli di molti altri artisti della risata, in particolare per Paolo Rossi, che è anche regista della serata.

Gino & Michele non finiscono mai di sorprenderci, risata dopo risata, facendoci riassaporare quella comicità intelligente, in grado di farci riflettere sulla nostra attualità, attraverso la Storia recente del nostro Paese, in modo davvero profondo. Assieme a loro, sul palco, ci sono anche Folco Orselli e Vincenzo Messina, che, con la loro musica, rendono il tutto ancor più frizzante e divertente. 

Quello che Gino & Michele si ostinano a chiamare un “non-lavoro”, da oltre quarant’anni, è, in realtà, lo specchio della nostra Società: attuale, tagliente, incorreggibile, nella quale non occorre essere noiosi, pedanti e moralisti per fare la differenza. Basta riderci su, senza prendersi mai troppo sul serio.

TITOLO: Passati col rosso

DI E CON: Gino & Michele

MUSICHE E CANZONI DAL VIVO: Folco Orselli e Vincenzo Messina

IMMAGINI TRATTE DALLE OPERE DEL PITTORE: Marco Petrus

MESSA IN SCENA E ALLESTIMENTO: Riccardo Mallus

REGIA: Paolo Rossi

TEATRO: Teatro Quirino Vittorio Gassman – Via delle Vergini, 7

UFFICIO STAMPA: Paola Rotunno

www.teatroquirino.it

Alessandra Rinaldi

Giornalista, blogger e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]