Mercoledì, 30 Dicembre 2015 15:14

“Macbeth”. Fa vibrare le corde dell’anima. Recensione

Scritto da

ROMA - Scozia, XI secolo. Al termine di un sanguinoso scontro, Macbeth, prode generale al servizio di re Duncan, sconfigge ed uccide Macdonowald, capo dei ribelli.

Su un campo di battaglia disseminato di cadaveri, accompagnato dall'amico Banquo, incontra tre streghe: predicono che Macbeth sarà re e Banquo sarà capostipite di una dinastia di re. Una volta tornato a casa, Macbeth, inizialmente riluttante, si fa persuadere dalla moglie a non rimanere spettatore degli eventi. Dovrà uccidere il re per diventarne successore, poi si occuperà del compagno Banquo e della sua progenie…

Il film mette in immagini una tragedia complessa in cui una profezia di gloria muta in ossessione e porta fino alla follia ed all'autodistruzione. La bramosia di potere corrompe l'animo, offusca la mente, diventa perenne dannazione. Il testo di William Shakespeare indaga in modo straordinario i lati più oscuri dell'uomo. Questa rappresentazione ha il merito di rispettare e valorizzare il linguaggio shakespeariano, rendendolo al contempo fruibile per il pubblico odierno. Justin Kurzel sfrutta appieno l'enorme potenziale drammatico della vicenda, tinge di rosso ogni evento, marca l'emozione che si cela dietro ogni atto. Marion Cotillard incarna una lady Macbeth dal volto angelico e glaciale. E' una rivisitazione dell'Eva biblica che spinge verso la tentazione e finisce silenziosamente divorata dal senso di colpa. Fassbender, con il suo personaggio, attraversa l'inferno in terra e si mostra in grado di rendere partecipe lo spettatore d'ogni sensazione e turbamento. I due protagonisti sono aggrediti da un vuoto esistenziale (generato dalla prematura morte del loro unico figlio) che viene riempito con un illusorio sogno di grandezza e porta all'inevitabile caduta. Le immagini, fortemente evocative, fanno immergere chi guarda l'opera in una ambientazione realistica che al contempo però trascende lo specifico contesto storico/geografico. I colori gelidi ed il vento tagliente di Scozia, che pare di avvertire sulla pelle, rimandano ad una sconfinata solitudine interiore. Esaltato come Macbeth dall'odore del trionfo, Kurzel esagera, enfatizza, abusa della tecnica dello slow-motion. Ad ogni modo, al netto delle considerazioni tecniche, questa ennesima versione di "Macbeth" fa vibrare le corde dell'anima.

REGIA: Justin Kurzel

ATTORI: Michael Fassbender, Marion Cotillard, Paddy Considine, David Thewlis

SCEGGIATURA: Jacob Koskoff, Michael Lesslie, Todd Louiso

FOTOGRAFIA: Adam Arkapaw 

 PRODUZIONE: Gran Bretagna

GENERE: Drammatico

DURATA:  113 minuti

USCITA NELLA SALE: 5 gennaio 2016

Macbeth - trailer

 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Poesia

Voyerismo e Solitudine

Nel 2014 a Mosca, Serghiei Kirillov, un giovane operaio, si suicida in diretta Skype mentre gli altri utenti lo incitano a compiere il gesto.

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Innamorarsi del diavolo

Aborro i tratti di penna… che attingono alle viscere dell’inferno.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Donna: sinonimo di genio e creatività

Non solo Rita Levi di Montalcini o Frida Kahlo, scienziate di fama o celebri artiste:ci sono donne altrettanto geniali ma meno conosciute alle quali dobbiamo comunque  grazie, a cominciare da...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Terzo Congresso Nazionale ISCCA: "THE FUTURE FLOWS"

Il terzo Congresso Nazionale dell’ISCCA (Società Italiana per l’Analisi Citometrica Cellulare) sarà ospitato quest’anno a novembre nella splendida cornice romana, nel centralissimo quartiere Prati, a pochi passi dalla Città del...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077