Venerdì, 12 Febbraio 2016 11:36

Teatro Brancaccio. “C’è sempre e solo da ridere”. Consigliato da Dazebao. Recensione

Scritto da

ROMA - “C’è sempre e solo da ridere”, parola di Andrea Baccan, in arte Pucci, il comico milanese che, ieri sera, al Teatro Brancaccio, ha conquistato Roma con la sua inarrestabile comicità.  Infatti, durante lo spettacolo scritto e interpretato in un unico atto da Pucci, si è riso fino alle lacrime, una battuta dopo l’altra. 

L’umorismo di Pucci è semplice e graffiante e il pubblico è continuamente convolto, quasi come se si trattasse di una rappresentazione interattiva. Dalla vita quotidiana, alle debolezze del nostro Bel Paese, agli esilaranti rapporti tra uomini e donne, fino a un toccante finale dedicato al suo ruolo di padre, Pucci è e vuole essere il portavoce di tutti noi, salendo sul palco con l’umiltà di chi racconta col sorriso ciò che vive ogni giorno.  

La comicità del volto storico di “Colorado” è talmente trasversale, da essere apprezzata proprio da tutti. In questo spettacolo, in particolare, l’attore dimostra grande versatilità, pur non dimenticando le proprie origini e raccoglie, quindi, tutte le sue migliori gag, proposte in anni di carriera, rielaborandole appositamente per il teatro. Pucci non ha neppure bisogno di scenografia, tanto è magnetica la sua presenza sul palco: basta qualche stacco musicale al momento opportuno per infiammare la platea che, per quasi due ore, ha risposto con grande entusiasmo a ogni sketch. 

Un consiglio a tutto il pubblico femminile? Si sa, dentro la borsa di una donna c’è un po’ di tutto, inclusi molti oggetti curiosi e inaspettati, ma attenzione a cosa metterete nelle vostre borsette, prima di andare a teatro, perché Pucci potrebbe mettervi scherzosamente alla prova…

TITOLO: C’è sempre e solo da ridere

DI E CON: Andrea Baccan - Pucci

TEATRO: Teatro Brancaccio – via Merulana, 244, 00185, Roma

Alessandra Rinaldi

Giornalista, blogger e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La fragile follia

In noi è la visione dell’essere la follia… Le fragili ragioni del cuore un mondo perduto in silenzi in lacrime nell’indifferenza.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Madre ti troverò

Sento la tua voce tra le foglie del melo son piene di sapore calore…racchiudono sospiri da tanto trattenuti.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]