Mercoledì, 24 Febbraio 2016 12:05

Teatro Quirino. “I Duellanti”, magnetico Alessio Boni. Recensione

Scritto da

ROMA – Si è tenuta ieri al Teatro Quirino, la prima de “I Duellanti”, lo spettacolo tratto dal romanzo di Joseph Conrad, adattato e diretto, tra gli altri, da Alessio Boni, che, sul palco, dà prova di grande versatilità, interpretando uno dei protagonisti della storia. 

La vicenda si volge in piena era napoleonica: il grande Imperatore si appresta a intraprendere la difficile campagna di Russia e gli eserciti di tutta Europa stanno subendo un decisivo processo di cambiamento che stravolgerà tutte le logiche strategiche del Novecento, grazie all’introduzione di armi da fuoco di produzione industriale che stanno trasformando la guerra in una fonte di profitto e non più solo in una faccenda politica. I retaggi della vecchia etica cavalleresca stanno svanendo, lasciando spazio a eccidi sempre più sanguinosi, che vedono gli eserciti impreparati e decimati, mentre l’egemonia di Napoleone vacilla. 

I protagonisti della storia e eterni duellanti non appartengono a due schieramenti avversari, bensì allo stesso esercito: sono Ussari, ufficiali dell’Imperatore. Gabriel Florian Feraud, guascone irascibile, e Armand D’Hubert, irreprensibile uomo del nord, non sono solo i protagonisti di una misteriosa e inspiegabile controversia che aspetta di essere regolata col sangue, ma anche lo specchio del cambiamento che delinea il passaggio dal granitico uomo dell’Ottocento all’uomo più consapevole e, forse per questo, pieno di dubbi e incertezze che caratterizzerà il Novecento. La loro disputa, cominciata in modo indecifrabile, senza che le reali ragioni siano mai rese note, durerà oltre vent’anni e li vedrà diventare uomini, duello dopo duello, nel corso della loro carriera, senza che nessuno sappia i veri motivi di un odio così profondo da renderli nemici leggendari tra le fila delle truppe cui appartengono. 

Alessio Boni e Marcello Prayer interpretano con grande intensità i due duellanti, lasciando letteralmente senza fiato lo spettatore che, complici una scenografia piena di fascino e dei costumi molto accurati, non stacca gli occhi dalle sciabole che si intrecciano, colpo dopo colpo, fendendo l’aria. È quasi come se D’Hubert e Feraud, entrambi confusi da un Mondo che sta profondamente cambiando davanti ai loro occhi, si sostengano l’un l’altro, rinfocolando periodicamente la loro antica rivalità, come a volersi tenere saldamente attaccati a valori che stanno scomparendo, perché, a volte, è più facile battersi contro un avversario reale, che coi demoni che ognuno di loro ha dentro. I due protagonisti sono la metà oscura l’uno dell’altro e sono consapevoli che, senza le ombre, non può esistere neppure la luce, per questo si odiano, ma nello stesso tempo si cercano e si proteggono a vicenda dalle avversità del Mondo, per paura di essere destinati a scomparire, così come il loro tempo. La potenza dei dialoghi, vere e proprie dispute verbali, magistralmente interpretati da Boni e Prayer, è tale da superare il suono delle armi e i giochi delle luci, che trasformano il palco in un virtuale campo di battaglia, dove il vero avversario siamo noi stessi.

SPETTACOLO: I DUELLANTI

PRESENTATO DA: FEDERICA VINCENTI PER GOLDENART PRODUCTION

DI: JOSEPH CONRAD

REGIA: ALESSIO BONI E ROBERTO ALDORASI

CON: ALESSIO BONI, MARCELLO PRAYER, FRANCESCO MEONI E FEDERICA VECCHIO (VIOLONCELLISTA)

SCENE E COSTUMI: MASSIMO TRONCANETTI, FRANCESCO ESPOSITO E DANIELE GELSI

LUCI: GIUSEPPE FILIPPONIO

MUSICHE: LUCA D’ALBERTO

MAESTRO D’ARMI: RENZO MUSUMECI GRECO

UFFICIO STAMPA: PAOLA ROTUNNO

DRAMMATURGIA: ALESSIO BONI, ROBERTO ALDORASI, MARCELLO PRAYER, FRANCESCO NICCOLINI (TRADUZIONE E ADATTAMENTO)

TEATRO: TEATRO QUIRINO VITTORIO GASSMAN – via delle Vergini, 7, Roma 

INFO E PRENOTAZIONI: Tel. 06/6794585 – Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. SPETTACOLI: In scena dal 23 febbraio al 6 marzo 2016, dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 17, giovedì 25 febbraio e mercoledì 2 marzo ore 17, sabato 5 marzo ore 17 e ore 21

BIGLIETTI: a partire da 12 €

Alessandra Rinaldi

Giornalista, blogger e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]