Mercoledì, 09 Marzo 2016 11:40

Jesolo. Teatro Vivaldi. “Fotogrammi del progresso tra Ottocento e Novecento. Da Sedan a Sarajevo”

Scritto da

Ultimo appuntamento a Jesolo della stagione concertistica  dedicata all’eccellenza senza limiti di genere. L’11 marzo 2016 al Cinema Teatro Vivaldi di Jesolo, lo spettacolo-reading  “Fotogrammi del progresso tra Ottocento e Novecento. Da Sedan a Sarajevo”,  con Ivan Anoè e Sabrina Tutone

 

JESOLO (VENEZIA) - Venerdì 11 marzo 2016 alle ore 21, ultimo appuntamento con “Vivaldi in Musica”, la stagione concertistica dedicata all’eccellenza musicale senza limiti di genere del Cinema Teatro Vivaldi di Jesolo (VE), organizzata da Comune di Jesolo, Biblioteca Civica di Jesolo e Doc Servizi Soc. Coop. che, con i suoi 5.000 soci e più di 20 Doc Point sul territorio nazionale, si conferma da 25 anni una delle maggiori cooperative per lo spettacolo in Italia.

Il gran finale di stagione è affidato allo spettacolo-reading “Fotogrammi del progresso tra Ottocento e NovecentoDa Sedan a Sarajevo”, con Ivan Anoè e Sabrina Tutone, atmosfere sonore di Mattia Balboni e videoproiezioni di Arianna Novaga. Lo spettacolo, liberamente tratto da “I confini dell’Europa. Globalizzazioni, conquiste e tecnologie tra Ottocento e Novecento” di Mario Coglitore (Cafoscarina, 2012), racconta la rivoluzione della scienza, della comunicazione e del pensiero che ha caratterizzato il passaggio tra ‘800 e ‘900, intrecciando alla trama storica degli eventi brani scientifici, frammenti letterari, citazioni politiche, musica, immagini e video dell’epoca.

In un gioco di costanti richiami alla cronologia storico-sociale che sostiene l’intera performance, entrano nel vivo della trama alcuni dei protagonisti di questo singolare “viaggio cognitivo”: Samuel Morse e il suo telegrafo, Daguerre inventore del diorama e della fotografia, Matilde SeraoGuglielmo Marconi, Albert EinsteinMarie CurieWalter BenjaminJules Verne Mark Twain. Trova spazio anche la figura di Alessandro Volta, redivivo nel suo laboratorio, ricostruito sulle scene dello straordinario “Ballo Excelsior” che debuttò alla Scala di Milano a fine ‘800. E ancora Bruno CorraEmilio Settimelli e Filippo Tommaso Marinetti con il loro spiazzante teatro futurista e le roboanti parole d’ordine inneggianti al conflitto bellico.

Il progetto è stato selezionato da Europe Direct del Comune di Venezia-Commissione europea, nell’ambito dell’iniziativa “Festa dell’Europa 2014-Cittadinanza europea: identità e partecipazione”. A fine performance la compagnia è disponibile per un confronto col pubblico sui temi e gli argomenti toccati.

Anche quest’anno ottima la risposta di pubblico, arrivato anche da fuori provincia (Treviso, Padova e Vicenza), evidenziata dallo sfiorato sold out per il Concerto di Capodanno della FVG Mitteleuropa Orchestra. Dalla grande musica classica alla contemporanea, con incursioni crossover, rock, tango e flamenco, più di 100 gli artisti ospiti tra cui, oltre alla già citata FVG Mitteleuropa Orchestra, Jupiter Voice Choir Band, Quintetto Porteño e Le Sorelle Marinetti.

 

Biglietti: 10€. Under 30 e over 65, ridotto 6,00 €

I ticket di ingresso sono acquistabili presso il Teatro Vivaldi un’ora prima dello spettacolo

Infoline: Doc Servizi: 345 9563656 – 345 3434629 / mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.cinemateatrovivaldi.it/

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077