Mercoledì, 30 Marzo 2016 12:10

Teatro Vittoria: “Teresa la ladra”. Da non perdere. Recensione

Scritto da

ROMA – Si è tenuta ieri, al Teatro Vittoria, la prima dello spettacolo “Teresa la ladra”, tratto dal romanzo di Dacia Maraini e adattato per il teatro dalla stessa autrice, con la regia di Francesco Tavassi, le musiche originali di Sergio Cammariere, eseguite dal vivo dal gruppo “Musica da ripostiglio”, e la magistrale interpretazione di Mariangela D’abbraccio

Una storia nella Storia quella di Teresa, una donna stravagante e istrionica che racconta, come un’eroina nient’affatto invincibile, l’Italia degli esclusi, tra gli anni Venti e gli anni Settanta. Teresa è una ragazza di campagna che, giovanissima, fugge da un padre dispotico e autoritario, in cerca della felicità. Dopo un matrimonio fallito e un figlio che le viene strappato senza motivo, Teresa riesce a sopravvivere agli orrori della Guerra e sceglie la Capitale per cercare di realizzare sé stessa. È tra i ladri e le prostitute di Piazza Vittorio, infatti, che Teresa si sente veramente a casa, circondata da chi riesce a fare di necessità virtù e non ha bisogno di legami di sangue per sostenere i propri compagni di sventura. Solo nella destrezza delle proprie mani, con le quali sfila portafogli e ruba borsette, Teresa ripone tutta la sua fiducia, ricadendoci ogni volta, nonostante gli anni di carcere e di manicomio criminale, col pensiero sempre rivolto ai suoi nove fratelli e agli amori sbagliati. 

Magnetica, brillante e a tratti commovente, Mariangela D’Abbraccio veste i panni di Teresa in modo così intenso e convincente, da coinvolgere lo spettatore dall’inizio alla fine, senza mai una battuta d’arresto. Tutto sulla scena, infatti, ruota attorno alla protagonista, dalla scenografia, che altro non è che una valigia di ricordi, alla musica, molto più di un semplice accompagnamento alla recitazione, tra varietà e blues. 

Uno spettacolo imperdibile che, grazie all’adattamento di Dacia Maraini, riesce a trasferire sul palco tutte le emozioni che si celano tra le pagine del romanzo “Memorie di una ladra”, senza invidiare nulla al film cult con Monica Vitti e Michele Placido.

SPETTACOLO: TERESA LA LADRA

PRODOTTO DA: LA CAMILLE E TEATRO DEI DUE MARI

DI: DACIA MARAINI

REGIA: FRANCESCO TAVASSI

CON: MARIANGELA D’ABBRACCIO

MUSICHE E CANZONI ORIGINALI: SERGIO CAMMARIERE E DACIA MARAINI con “MUSICA DA RIPOSTIGLIO” (LUCA PIROZZI, RAFFAELE TONINELLI, EMANUELE PELLEGRINI, GIANLUCA CASADEI, ALESSANDRO GORINI)

COSTUMI: MARIAROSARIA DONADIO

UFFICIO PROMOZIONE: ARTI IN CONNESSIONE 

TEATRO: TEATRO VITTORIA – PIAZZA SANTA MARIA LIBERATRICE, 10, ROMA

INFO E PRENOTAZIONI: Tel. 06/5740170 - 5740598 – Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – www.teatrovittoria.it

SPETTACOLI: In scena dal 29 marzo al 3 aprile 2016 (ore 21 - mercoledì e domenica ore 17 – 17:30)

Alessandra Rinaldi

Blogger e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Il quarto livello delle mafie

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208