Domenica, 10 Luglio 2016 10:38

Globe Theatre. Gigi Proietti in “Omaggio a Shakespeare” incanta

Scritto da

ROMA - Dieci minuti ininterrotti di applausi per una prova d’attore magistrale. Ieri sera, sul palco del Silvano Toti Globe Theatre di Roma, Gigi Proietti ha portato in scena “Omaggio a Shakespeare” tratto dall’opera “Edmund Kean” di Raymund FitzSimons. 

Proietti in veste di interprete si è fatto attendere anni sul palco del Globe. Lui, direttore artistico e regista, è rimasto dietro le quinte, traghettando l’unico teatro elisabettiano d’Italia al sold-out, spettacolo dopo spettacolo. 

C’era curiosità per il suo debutto, per il quale Proietti ha scelto il testo di FitzSimons che narra le vicende di un uomo solo nel suo camerino.  Beve, si trucca ma soprattutto interpreta e si interroga sulle parole di Shakespeare, passando in rassegna una vita di battaglie e successi. È Edmund Kean,  grande attore inglese dell'inizio dell'Ottocento, idolatrato dal pubblico e dalla critica che ne decretarono l'ascesa dal ruolo di Arlecchino ai grandi protagonisti shakespeariani. Poi la rovinosa decadenza.

Gigi Proietti non ha deluso le attese, lasciando il pubblico attonito. Erano anni che non vedevo Proietti e mi sono reso conto che qualcosa è esploso sotto il cielo di Roma. L’alchimista Proietti ha chiamato a sé l’anima degli attori immortali per mostrar loro cosa significa recitare, soprattutto cosa significa recitare Shakespeare, e li avrà sicuramente divertiti ed eccitati come, ieri sera, è successo ai presenti. 

Poetica e scherno, dramma e farsa, tragedia e grottesco risuonavano con vigore nella sua voce, nel suo sguardo, nella sua fisicità. Capace di saturare, non solo il palco, ma ogni centimetro del teatro;  di prendere per mano il pubblico per guidarlo in un Universo che solo lui sa creare. I repentini cambi di intonazione, il fruscio della sua anima istrionica  han fatto crepitare cuore e ragione.

Come le assi del palco, ogni  legno del Globe, Proietti ha assorbito la magia shakespeariana, le sfumature più segrete per restituirle al  suo pubblico.  Sottolineo suo, perché dopo aver assistito a tale incantesimo, Proietti resta impresso  come Qualcuno di cui non si può fare a meno.

Rubo una frase di Lee Strasberg, dedicata a ciò che è l’attore e che descrive meglio di qualsiasi altra parola Gigi Proietti  in “Omaggio a Shakespeare” : lui  crea con la sua carne e il suo sangue tutte quelle cose che le altre arti, in qualche modo, tentano di descrivere.

Dall’8 al 17 luglio ore 21.15

Gigi Proietti in OMAGGIO A SHAKESPEARE

brani da EDMUND KEAN di Raymund FitzSimons

Adattamento e regia  Gigi Proietti

Regista assistente  Loredana Scaramella

Scene e costumi  Cappellini Licheri

Musiche  Fiorenzo Carpi

Disegno luci  Umile Vainieri

Progetto fonico  Franco Patimo 

Prodotto da Politeama Srl

Silvano Toti Globe Theatre

Villa Borghese, Roma  -  www.globetheatreroma.com

 

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]