Sabato, 23 Luglio 2016 22:12

Al via il IX° Fiuggi Film Festival

Scritto da

FIUGGI (nostro inviato) Il Fiuggi Film Festival si prepara ad inaugurare la sua  nona edizione dal 24 al 30 luglio con un programma ricco di eventi e di ospiti di rilievo internazionale. Una proposta ambiziosa che lo pone come appuntamento cinematografico di respiro nazionale, con oltre 20 opere in proiezione, film in gara, workshop e animazione. 

Basti dire che debutta in concorso, in assoluta prima internazionale, I was there,  storia di un pompiere sopravvissuto al crollo delle Torri Gemelle, sopraffatto dal senso di colpa per essere rimasto in vita. Il regista, Jorge Valdés-Iga, sarà a Fiuggi  per la proiezione del suo film.

Oltre a Valdés-Iga che arriva da Los Angeles, animeranno  Piazza Trento e Trieste, il Teatro Comunale, il Parco delle Terme, perimetro nel quale si svolgono gli eventi, personalità famose: dalla Grecia sarà al festival il regista Manoussakis.  Vedremo  Alex Infascelli e Emilio D’Alessandro, rispettivamente regista e protagonista del documentario basato sulla storia di D’Alessandro, autista personale di Stanley Kubrick. Fiuggi vedrà anche Antonia Truppo, David di Donatello 2016 come attrice non protagonista di Lo chiamavano Jeeg Robot, di Gabriele Mainetti.

La giuria ufficiale, presieduta da Caterina d’Amico, presidente dell’Accademia nazionale d’arte drammatica Silvio d’Amico e della scuola Nazionale di Cinema, è composta da Carlo Brancaleoni, dirigente Produzione Film di Esordio e Sperimentali Rai Cinema; Luciano Sovena, presidente della Fondazione Roma Lazio Film Commission; Simone Isola, regista e produttore di Kimerafilm; e Loreta Gandolfi, curatrice del Cambridge Film Festival.

In programma incontri di approfondimento sulla produzione e distribuzione cinematografica con la presenza di Simone Isola, produttore di Non essere cattivo, il film postumo di Claudio Caligari,  presentato al festival di Fiuggi in occasione di una sala dedicata al regista italiano; Vincenzo Scuccimarra, sceneggiatore del documentario Staley; Alberto Caviglia, regista di Pecore in Erba; Sabina Guzzanti, regista del documentario La trattativa; Matteo De Laurentiis, produttore Cattleya.

Il tutto nella cornice di una cittadina famosa per le sue terme e le sue acque,  culla ideale per  iniziative creative come il festival, che hanno il merito di richiamare visitatori e turisti.

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]