Venerdì, 21 Ottobre 2016 20:49

Teatro della Cometa. “Barberìa, barba, capiddi e mandulinu”. Recensione

Scritto da

Quanto è originale fare la barba cantando e recitando! Al Teatro della Cometa uno strepitoso Massimo Venturiello in omaggio alle canzoni della Sicilia più povera

ROMA - “Barberìa, barba, capiddi e mandulinu”: il titolo la dice tutta, ma l’originalità e il valore del testo scritto da Gianni Clementi e portato in scena da Massimo Venturiello al Teatro della Cometa di Roma rinchiude un accurato percorso di ricerca storico-sociologico-musicale su un luogo (la Sicilia), un mestiere (il barbiere, ma quello che non si limita solo a usare il rasoio), un preciso periodo storico (l’emigrazione vissuta nel  profondo Sud) e una colonna sonora (quella della gente semplice che non ha studiato ma per incanto conosce la musica) a molti ancora ignoti. Un monologo – quello del barbiere attempato che racconta la sua storia, tra infanzia, affetti e crescita professionale – che si trasforma in dialogo a due, a quattro, a sei, tanti sono i musicisti in azione sul palco, quelli della Compagnia popolare favarese, armati di chitarra, fisarmonica, mandolino e scacciapensieri, con i quali “u varveri” interagisce con lama e schiuma, con coppola e tacco, con voce su voce e voce su strumento, in momenti continui di poesia che rivitalizzano atmosfere di un Paese di braccianti, falegnami e pastori che trova tutt’oggi la sua ricchezza nei racconti del cantastorie, o meglio ancora dei “tagliabarbaecapelli”.

Ciò che emerge – tra flashback e ritorni al presente - nel tortuoso e ritmatissimo narrare di Venturiello (che cura anche la regia di questa “chicca” teatrale) è la figura di un mestiere intriso da varie sfaccettature ed expertise: il barbiere siciliano è un medico, oltre che un toelettatore, un veterinario oltre che un profumatore, un musicista polistrumentale ed anche, in casi abbastanza frequenti, un testimone oculare di cronaca nera nella stessa bottega. Mafia, clan, delitti: i luoghi comuni della Sicilia non vengono mai evidenziati testualmente ma evocati con sottintendimenti e gestualità ammiccanti pervase di indubbia classe. Originario della provincia salernitana, Venturiello recita con un precisissimo dialetto della campagna sicula più profonda e lo stesso suo canto è magistrale nelle sfumature stimolate dall’eccezionale orchestrina, dalle melodie istintive e dai ritmi quasi tribali, che contamina l’intero teatro dei segreti di una terra vicina e lontana (per chi ci vive ancora e chi l’ha lasciata per andare a cercare fortuna nella Grande Mela). 

La scansione del discorso del barbiere tocca la nostra immaginazione come fosse un film di Sergio Leone o Francis Ford Coppola, piluccando dalla criminalità newyorchese dei tempi di Al Capone, il sangue di fratelli dedicati al malaffare, fino alla descrizione dei silenzi delle aride distese bruciate dal sole ai piedi dell’Etna; facendo titillare le papille gustative con fragranze di aranci, mandorle, le ricotte ai fiori di zagare; drammatizzando il reale nella sua quotidiana sfera biologica con la storia di morti naturali inaspettate o il pianto inconsolato di donne avvolte nei tipici mantelli neri. Una pellicola multicolor che in meno di un’ora e mezza di performance è più efficace di una lezione di storia contemporanea, è più colorata di un concerto etnico, è più combattiva di un plotone di esecuzione perché ha un’arma potentissima, la voce di un grande interprete, condita da multiformi intonazioni e  silenzi e da un continuo dolcissimo accompagnamento musicale proteso alla gioia e alla condivisione di un ricordo di altri tempi.

Elisabetta Castiglioni

Barberìa, barba, capiddi e mandulinu

Dal 19 al 30 ottobre 2016 

Teatro della Cometa di Roma

http://www.teatrodellacometa.it/

Testo di Gianni Clementi

regia Massimo Venturiello

Compagnia Popolare Favarese: chitarra e voce Peppe Calabrese, fisarmonica e voce Maurizio Piscopo, mandolino Mimmo Pontillo, mandolino Raffaele Pullara, percussioni Mario Vasile

Elisabetta Castiglioni

Giornalista e Promoter Culturale

www.dazebaonews.it

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

L'autunno del cuore

Veloce muta il tempo  giornate di pioggia foriere di freddo si avvicinano. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

DPCM. Lettera aperta di Viviana Toniolo, attrice e direttrice dello storico teat…

DPCM. Lettera aperta di Viviana Toniolo, attrice e direttrice dello storico teatro Vittoria di Roma

Il patatrac è fatto! Il dissenso per la decisione di chiudere cinema e teatri è stato espresso, in questi giorni, da tante voci della cultura di grande risonanza e da...

Viviana Toniolo, Direttrice Artistica del Teatro Vittoria - avatar Viviana Toniolo, Direttrice Artistica del Teatro Vittoria

Ricerca. Individuati nuovi meccanismi molecolari implicati nel danno renale

Ricerca. Individuati nuovi meccanismi molecolari implicati nel danno renale

Grazie alle competenze dei ricercatori, e soprattutto alla multidisciplinarietà del gruppo di ricerca diretto dal Nefrologo, Dr Renzo Bonofiglio, in questi anni presso il Centro di Ricerca, collocato all’interno della...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]