Martedì, 29 Novembre 2016 22:34

Biennale College Cinema. “The Fits” plurinominato ai premi per il cinema indipendente

Scritto da

Il film THE FITS (Biennale College – Cinema 2014-15) ottiene 3 nomination agli Independent Spirit Awards e 2 nomination ai Gotham Awards, i maggiori premi per il cinema indipendente. Scelti i 3 progetti finali di Biennale College – Cinema 2016-17 (5a edizione) provenienti da Australia, Italia e Libano

VENEZIA - Importanti riconoscimenti internazionali sono stati ottenuti da THE FITS (Usa), un film realizzato nella 3a edizione 2014-15 di Biennale College – Cinema, l’iniziativa lanciata dalla Biennale di Venezia che promuove nuovi talenti per il cinema, offrendo loro di operare a contatto di maestri, per la realizzazione di lungometraggi a microbudget.

In occasione delle nomination degli Independent Spirit Awards annunciate a Los Angeles, THE FITS di Anna Rose Holmer (regista, Usa) e Lisa Kjerulff (produttrice, Usa) ha ottenuto 3 nomination:

miglior opera prima

miglior regista emergente (Someone to Watch Award, Anna Rose Holmer)

miglior produttore (Piaget Producers Award, Lisa Kjerulff).

Gli Independent Spirit Awards sono i prestigiosi premi cinematografici statunitensi assegnati annualmente a partire dal 1986 a Los Angeles per promuovere il cinema indipendente, dove nel 2015 è già stato premiato un altro film di Biennale College – Cinema col Someone to Watch Award: “H.” di Rania Attieh (Libano) e Daniel Garcia (Usa).

Nei giorni scorsi, anche in occasione delle nomination dei Gotham Awards annunciate a New York, THE FITS aveva ottenuto 2 nomination:

miglior regista emergente (Breakthrough Director, Anna Rose Holmer)

miglior interprete emergente (Breakthrough Actor, Royalty Hightower).

I Gotham Awards sono gli importanti premi cinematografici statunitensi assegnati annualmente a partire dal 1991 a New York per promuovere il cinema indipendente.

THE FITS, presentato con successo in prima mondiale alla 72a Mostra di Venezia 2015, racconta di Toni, una ragazzina di tredici anni che vive nel West End di Cincinnati e si allena costantemente nella boxe. Nella palestra accanto provano le 'Leonesse', un team di danza femminile composto da ragazze molto determinate. Toni cerca di farsi accettare dal gruppo ma, una volta inserita, cominciano a verificarsi nelle sue compagne strani attacchi tra il delirio e gli stati di catarsi incontrollabili.

_______ooOoo_______

Biennale College – Cinema prosegue e sono stati scelti i 3 progetti che accedono alla fase di realizzazione dei film della 5a edizione (2016 – 2017).

I 3 progetti sono stati scelti al termine del primo workshop fra 12 selezionati da tutto il mondo (provenienti quest’anno da Australia, Corea del Sud, Danimarca, Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Libano, Norvegia, Nuova Zelanda, Olanda e Stati Uniti).

Sono state scelte per la prossima fase due opere prime e un’opera seconda, qui indicate in ordine alfabetico di titolo:

Film di confine (Italia) – Giorgio Ferrero (regista), Federico Biasin (produttore) – opera prima

Lightning Ridge (Australia) – Alena Lodkina (regista), Kate Laurie, Isaac Wall (produttori) – opera prima

Martyr (Libano) – Mazen Khaled (regista), Diala Kachmar (produttore) – opera seconda

Ecco una breve descrizione dei 3 progetti:

Film di confine: un documentario visionario sugli oggetti e i suoni del mondo contemporaneo. Gli oggetti di cui pensiamo di aver bisogno ogni giorno iniziano e finiscono il loro viaggio all’interno di luoghi industriali e scientifici spettrali. Il film descrive la liturgia nascosta all’interno di quattro luoghi remoti, dove uomini “di confine” lavorano in completo isolamento senza interferenze del mondo esterno (opera prima).

Lightning Ridge: a seguito di un infarto che ha colpito il padre, Milena decide di partire per una comunità isolata nell’entroterra australiano, per incontrarlo per la prima volta dopo anni e anni. Ma lì i giorni passano, e la ragazza comincia a cedere a quel mondo folle, popolato da emarginati come Frank, un altro minatore solitario che sta passando un brutto periodo (opera prima).

Martyr: i ragazzi di Beirut si tuffano pericolosamente in mare come prova iniziatica di coraggio. La tragica morte di un ragazzo porta i suoi amici a lottare contro questa perdita e a mettere in discussione i riti della sua comunità, rivelando le divisioni interne alla città e alla società (opera seconda).

I 3 team scelti parteciperanno ora a due ulteriori workshop, sempre a Venezia, dal 2 al 5 dicembre 2016 e dal 9 al 13 gennaio 2017. Questi apriranno la possibilità alla realizzazione vera e propria di 3 lungometraggi a microbudget tramite un contributo di 150.000 euro ciascuno, che saranno poi presentati alla 74. Mostra del Cinema di Venezia 2017.

_______ooOoo_______

Biennale College è un’esperienza innovativa e complessa che integra tutti i Settori della Biennale di Veneziapresieduta da Paolo Baratta, promuovendo i giovani talenti e offrendo loro di operare a contatto di maestri, per la messa a punto di “creazioni”.

Biennale College – Cinema ha il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Direzione Generale Cinema. Si avvale per il quarto anno consecutivo della collaborazione accademica del Busan International Film Festival, di IFP di New York e del TorinoFilmLab. Direttore è Alberto Barbera. Head of Programme è Savina Neirotti.

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Buonanotte Mondo

Allontanare i pensieri 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

BANKSY-banner-metamorfosi-300x300.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Immacolata Del Prete, una pittrice dalla sorprendente forza espressiva

Da Cardito nella Terra dei Fuochi un'artista unica che utilizza intense dinamiche cromatiche per intraprendere un profondo scavo psicologico

Alessandro Spadoni - avatar Alessandro Spadoni

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Quando il laboratorio scientifico diventa "l'armeria del commerciale"

Intervista a Serlio Selli, direttore del laboratorio di Cromatos, l'azienda che colora il nostro vivere quotidiano 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]