Lunedì, 26 Dicembre 2016 19:41

Teatro Quirino. “Un’ora di tranquillità”. Consigliato

Scritto da

ROMA - Unora di tranquillità, commedia scritta da Florian Zeller, uno dei più acclamati autori contemporanei, ha come personaggio centrale un uomo che cerca disperatamente un momento di solitudine e serenità.

È riuscito a rintracciare e acquistare un vecchio disco in vinile da un rigattiere ma, mentre cerca di trovare il modo per dedicarsi a questo cimelio, una serie di eventi e personaggi lo interrompono: la moglie che gli deve parlare di cose importanti del loro rapporto, il vicino di casa, un improbabile idraulico che invece di riparare i guasti, ne provoca ulteriori. E poi amici, amanti e figli che entrano in scena inconsapevoli di rendere impossibile al povero protagonista di godersi solo un’ora di tranquillità.

È una commedia moderna e brillante giocata tra equivoci e battute esilaranti, perfetta in ogni sfumatura. L’autore gioca su due livelli, un primo composto dalla caratterizzazione dei personaggi e un secondo che si basa sull’incastro di situazioni comiche amplificate proprio dal carattere di ciascun interprete. Ghini adatta alla perfezione il testo originale, il ritmo è serrato senza mai eccedere, permettendo al pubblico di immedesimarsi, sia su alcuni aspetti caratteriali dei protagonisti che nelle dinamiche familiari, rendendolo partecipe dalle prime battute fino a quella finale.

“La meravigliosa doppiezza dei protagonisti” dice Ghini nella veste di regista “fa sì che qualunque opera riparatrice essi vogliano compiere, si trasformerà in tortura. Il cinismo che pervade tutta la storia mi ha affascinato. Quando la mancanza di ipocrisia permette a un autore di poter essere così diretto e spietatamente onesto, la risata arriva là dove tanta morale, tanta ipocrisia appunto, fa spesso danni irreparabili.” 

Ghini sul palco è strepitoso, offrendo una prova attoriale brillante di altissima levatura, coadiuvato da un cast di livello capace di suscitare risate a ogni battuta.La scenografia, elegante e imponente, è perfetta nell’estetica quanto nella funzione di cornice della commedia.

“Commedia” dice Ghini “che mi è stata segnalata da un direttore di teatro che l'aveva appena vista a Parigi. La prima lettura è stata immediatamente rivelatrice delle potenzialità del testo stesso. Una intelaiatura da farsa, composta e sviluppata con eleganza che, non disdegna la memoria geometrica di tanta commedia francese cinica e moderna che, ancora continua ad essere fonte di ispirazione per molti film di successo. Il nostro protagonista, che più che essere un protagonista finisce per essere il Caronte di sé stesso, andrà incontro a uno tsunami che lo travolgerà.”  Come del resto viene travolto il pubblico ma da uno tsunami di risate.

Repliche fino all’8 gennaio

da martedì a sabato ore 21

domenica ore 17

lunedì 26 dicembre ore 21
Giovedì 29 dicembre, domenica 1, mercoledì 4 e venerdì 6 gennaio ore 17
sabato 7 gennaio ore 17 e ore 21

Valerio Santoro per La Pirandelliana

MASSIMO GHINI

UN’ORA DI TRANQUILLITÀ

di Florian Zeller

con (in ordine alfabetico) Claudio Bigagli, Massimo Ciavarro, Alessandro Giuggioli, Galatea Ranzi, Luca Scapparone, Marta Zoffoli

Scene Roberto Crea

Costumi Silvia Frattolillo

Luci Marco Palmieri

Regia MASSIMO GHINI

durata spettacolo 1 ora e 40 minuti

SPECIALE CAPODANNO

sabato 31 dicembre ore 19 e ore 21.30

ore 19.00 spettacolo e brindisi al nuovo anno a fine recita
ore 21.30 spettacolo, cena a buffet e brindisi di mezzanotte
La platea si trasforma in pista da ballo con il travolgente swing di Emanuele Urso e la sua orchestra
ingresso dopo mezzanotte QUI DISCO
Si va avanti fino all’alba con la musica del DJ Antonio Matani 

Per info e costi
botteghino 06.6794585
mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

segreteria 06.6783042 int.1
mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]