Venerdì, 03 Marzo 2017 14:47

Teatro Quirino. “Quello che non ho”. Da non perdere

Scritto da

ROMA – Neri Marcorè sul palco del Quirino, che accoglie lui e il suo complesso in una scenografia di tubi e vele associabili alla vegetazione di una giungla – e non è questo forse il nostro pianeta? -  apre cantando in maniera coinvolgente “Se ti tagliassero a pezzetti” di Fabrizio De Andrè.

Il paragone con il cantautore è inevitabile e, cosa non facile, Marcorè ne esce vincente perché il suo modo di interpretarla è personale.  Così per tutte le canzoni, scelte tra le più significative di De Andrè, quelle che misurano ancora oggi il polso del  tempo. L’attore recita, canta, suona la chitarra accompagnato a sua volta dalle voci e dalle chitarre di Giua, Pietro Guarracino e Vieri Sturlini: musicisti originali e bravissimi. 

Usando la musica e la prosa poetica Neri Marcorè narra la nostra epoca, attraverso le parole di Pier Paolo Pasolini che oggi hanno lo spessore della profezia.  Scritto e diretto da Giorgio Gallione, “Quello che non ho” è uno spettacolo di grande intelligenza, godibilissimo e profondo. Capace di suscitare nel pubblico, che entusiasta batte le mani a tempo, gli interrogativi che pongono le contraddizioni del pianeta. Da una parte l’eccesso distruttivo di consumismo, dall’altra l’incapacità di condivisione con i più sfortunati. L’impotenza della politica, per la quale è stato coniato il termine “mediocracy”. 

Episodi emblematici della società globalizzata, riflessioni filosofiche e di carattere economico, anche in chiave satirica, scorrono con leggerezza, inframmezzate dalle canzoni, dipingono questo nostro mondo impegnato in uno sviluppo, veloce sì ma senza progresso: concetto che Pasolini ha affermato nel documentario “La rabbia”. La tecnologia si espande e perfeziona, il cuore umano non sta al passo. Un pianeta in equilibrio precario, che oscilla tra ansia del presente, pericolo di autodistruggersi e speranza. Quale risposta a domande così importanti? “Quello che non ho” si chiude con una indicazione, ma quale sia non vi dico. Vi consiglio di andare a vederlo perché è uno di quegli spettacoli dai quali si esce un po’ più felici e un po’ più ricchi.

                                       Teatro Quirino di Roma

Repliche fino Al 5 marzo

Teatro dell’Archivolto

NERI MARCORÈ

QUELLO CHE NON HO

drammaturgia e regia GIORGIO GALLIONE

canzoni di Fabrizio De Andrè

voci e chitarre Giua

Pietro Guarracino   Vieri Sturlini

arrangiamenti musicali Paolo Silvestri

collaborazione alla drammaturgia Giulio Costa

scene Guido Fiorato

luci Aldo Mantovani

Le canzoni dello spettacolo sono

Se ti tagliassero a pezzetti

(De Andrè - Bubola)

Una storia sbagliata

(De Andrè - Bubola)

Ottocento

(De Andrè - Pagani)

Don Raffaè

(De Andrè - Pagani - Bubola)

Quello che non ho

(De Andrè - Bubola)

Khorakhanè

(De Andrè - Fossati)

Smisurata preghiera

(De Andrè - Fossati)

Dolcenera

(De Andrè - Fossati)

Volta la carta

(De Andrè - Bubola)

Canzone per l’estate

(De Andrè - De Gregori)

lo spettacolo ha una durata di 1 ora e 25 minuti

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Il quarto livello delle mafie

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208