Venerdì, 10 Marzo 2017 16:51

Teatro Quirino. “Quei due”: grandi attori per una pièce miliare

Scritto da

ROMA - Nei giorni in cui il Tribunale dei minori di Firenze, per la prima volta nel nostro paese, riconosce l’adozione di un bambino di una coppia gay, in linea con i provvedimenti della corte britannica che aveva regolato la famiglia con due padri sin dal 2014; e l’adozione di una bimba da parte di un italiano che vive con il compagno americano a New York; vanno in scena molto applauditi, sul palco del Quirino di Roma, due icone del nostro teatro, Massimo Dapporto e Tullio Solenghi, protagonisti di una commedia di Charles Dyer “Quei due” che, pubblicata nel 1966, racconta la durevole storia d’amore di una coppia di omosessuali.

Harry e Charlie, ovvero “Quei due”, stanno insieme da trent’anni e tirano avanti grazie a un negozio di barbiere, uno di loro è stato sposato e ha una figlia, il loro menage nulla ha di diverso dalle coppie eterosessuali: soffrono della routine, delle dinamiche ripetitive e frustranti di una vita abitudinaria, si dilaniano con incessanti litigi, uno dei due dopo tanti anni non ha ancora trovato il coraggio di mostrarsi per quello che è alla propria prole. Tuttavia è fuor di dubbio che siano molto uniti e che il loro affetto sia profondo. 

Le loro esistenze sono purtroppo segnate dalla persecuzione di quella legge che nel 1895 rinchiuse per due anni in carcere Oscar Wilde: il Buggery act adottata in Inghilterra per la prima volta nel 1533 e abolita soltanto nel 1967. Un tema così importante in fatto di diritti umani fondamentali, nella commedia di Dyer è affrontato con il sorriso. La pièce, che Dapporto e Solenghi recitano da grandi attori è, infatti, imbevuta di vero humour inglese che strappa al pubblico molte risate. A tratti si fa tenera, soprattutto quando Solenghi e Dapporto mostrano il loro vissuto doloroso, con accenti sinceri, con una fragilità eloquente che culmina in una danza. Solenghi e Dapporto interpretano la mimica omosessuale con la giusta ironia, senza accenti esagerati né canzonatori, ricostruendo due figure che insieme commuovono e divertono: due grandi attori per una pièce miliare, diretti dalla mano sapiente di Roberto Valerio.

Teatro Quirino di Roma

repliche fino al 19 marzo

Angelo Tumminelli per Star Dust Show Productions

MASSIMO DAPPORTO   TULLIO SOLENGHI

QUEI DUE

Staircase – Il sottoscala

di Charles Dyer

adattamento Massimo Dapporto

scene Massimo Bellando Randone
costumi Moris Verdiani
musiche Brentmont
regia ROBERTO VALERIO

lo spettacolo ha una durata di 1 ora e 45 minuti

compreso intervallo

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La plastica: arte per i Beni Culturali

La plastica, uno dei flagelli del nostro tempo, merita di essere vista anche dall’altra parte della medaglia. Gli oggetti di plastica finalizzati al benessere dell’umanità sono innumerevoli, come pure i...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077