Giovedì, 06 Aprile 2017 19:38

Teatro Quirino. “Mr. Puntila e il suo servo Matti”. Recensione

Scritto da

ROMA – “Mr. Puntila e il suo servo Matti” è forse la più famosa commedia di Berthold Brecht.  Racconta di un eccentrico milionario che da sbronzo è umano, disponibile, generoso; da sobrio si trasforma in un cinico padrone, che usa gli altri per aumentare potere e denaro.

Brecht stesso ammise di essersi ispirato al famoso personaggio di “Luci della città” di Charlie Chaplin, che il teatro Quirino proietterà l’8 aprile a ingresso libero. “Mr. Puntila e il suo servo Matti” approfondisce e amplia il concetto di  ambivalenza della società liberista, dove tutto si potrebbe raggiungere, ma in realtà nessuno è libero, dove i rapporti tra gli esseri umani sono di classe, esistono padroni e servitori e la struttura sociale è costruita per mantenere lo status quo. 

Da sobrio Puntila vuol dare in moglie sua figlia Eva  a un diplomatico inetto che lei disprezza; da sbronzo concederla a Matti, il suo autista, sveglio e piacente. All’intelligenza di Matti, Brecht affida il ruolo disvelatore di rapporti familiari falsi, microcosmo esemplificativo della collettività, che l’autore sprona al cambiamento. Colpisce che Brecht abbia scritto questa commedia nel 1940: essa appare ancor più attuale oggi, considerato che l’uno per cento della popolazione detiene metà della ricchezza globale e il resto è in mano ha un quinto degli abitanti.

Il successo della messa in scena, alla quale il folto pubblico del Quirino ha risposto con prolungati battimani, si deve all’intelligente direzione, traduzione e interpretazione di Ferdinando Bruni ovvero Puntila. L’attore e regista si è avvalso d’interpreti bravi e affiatati, tra i quali spiccano Luciano Scarpa nei panni di Matti ed Eva Russo Arman, nei panni di Eva, la figlia del milionario. Essendo il primo Brecht della compagnia del teatro dell’Elfo, non si può negare che il risultato sia efficace e divertente: una riduzione che restituisce il meglio di un testo popolare, esilarante e profondissimo. Da vedere.

Teatro Quirino di Roma

repliche fino al 9 aprile

Teatro dell’Elfo

MR PÙNTILA E

IL SUO SERVO MATTI

di Bertolt Brecht

traduzione Ferdinando Bruni

con Ferdinando Bruni   Luciano Scarpa

Ida Marinelli   Elena Russo Arman

Corinna Agustoni   Luca Toracca

Umberto Petranca   Nicola Stravalaci

Matteo de Mojana   Francesca Turrini

Francesco Baldi   Carolina Cametti

musiche originali Paul Dessau

arrangiamenti Matteo de Mojana

costumi Gianluca Falaschi

luci Nando Frigerio

suono Giuseppe Marzoli

scene e regia

FERDINANDO BRUNI e FRANCESCO FRONGIA

personaggi e interpreti
Pùntila
Ferdinando Bruni
Matti  Luciano Scarpa
Emma / Laina Ida Marinelli
Eva  Elena Russo Arman
telefonista / pastorella Corinna Agustoni
cameriere / macilento / pastore Luca Toracca
attachè Umberto Petranca
giudice / studebwaker Nicola Stravalaci
Pelorosso / avvocato Matteo de Mojana
lattaia  Francesca Turrini

Surkkala Francesco Baldi
assistente farmacista / Fina Carolina Cametti

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077