Martedì, 26 Luglio 2011 18:36

Amy Winehouse. “You Know I'm No Good”…

Scritto da

LONDRA - Amy Winehouse viene cremata. Le sue ceneri - secondo il Sun - saranno mescolate a quelle della  nonna, Cynthia, anche lei cantante, a cui Amy era molto legata. Un'altra parte dei suoi resti potrebbe essere spedita a St. Lucia, l'isola caraibica dove nel 2008 si era rifugiata per disintossicarsi.

La cerimonia, strettamente privata e secondo il rito ebraico, si tiene al Golders Green Crematorium. Amici e familiari della cantante si sono raccolti al cimitero Edgwarebury a nord di Londra. Tra loro anche il produttore Mark Ronson e la cantante Kelly Osbourne, con i cappelli pettinati allo stesso modo di Amy Winehouse. Fotografi e  fan sono rimasti fuori.
Ma è giallo sulle cause della morte dopo che l'autopsia non ha saputo fornire una spiegazione ufficiale al decesso della 27enne. La polizia londinese ha annunciato che sono necessari ulteriori test tossicologici, i cui risultati non saranno noti prima di due-quattro settimane. Amy, secondo i genitori, potrebbe essere morta per infarto; secondo i tabloid, per un attacco epilettico, di cui soffriva a causa dell'abuso di alcol.
"Negli ultimi giorni era piena di vita, allegra, faceva movimento e yoga ogni giorno. Questa terribile cosa che è successa è un incidente". Le parole del regista Reg Traviss, forse ex di Amy solo da poco, smonterebbero l'immagine auto-distruttiva della cantante 27enne. Amy era indaffarata a scegliere gli abiti per andare al matrimonio di un amico domenica: "Aveva tirato fuori i vestiti per decidere. Ci teneva molto", ha detto Reg Traviss al Sun .


Si racconta che l'artista fosse distrutta per essersi lasciata con il 35enne Reg, arrabbiato con lei per averla trovata con l'ex marito, Blake Fielder Civil, da cui Amy ha divorziato nel 2009 dopo due anni di matrimonio turbolento. Blake Fielder Civil oggi non è ai funerali perché il carcere di Leeds, dove sconta una pena per furto, non gli ha concesso un permesso: Blake è anche lui tossicomane. Per di più il papà di Amy , arrivato da New York ,  ha lanciato all’ex marito un avvertimento a mezzo stampa:  quello di non farsi vedere alle esequie perché lo  ritiene da sempre responsabile della discesa della figlia nell’inferno della droga.  La madre  invece afferma: «Blake è devastato come tutti noi dalla morte di Amy e non approfitterebbe mai della sua scomparsa». La depressione di Amy per conflitti sentimentali, va sottolineato,  è stata però smentita subito dopo aver riempito le pagine dei giornali.
L’ex marito della  Winehouse  trova intanto spazio sui tabloid del Regno Unito: secondo  il Daily Mail   Blake  Fielder-Civil non riceverà un penny della fortuna della ex moglie, stimata in 10 milioni di sterline. L’eredità  e destinata ad essere divisa fra mamma Janis, malata di sclerosi multipla, papà Mitch - che divorziò quando Amy aveva appena 9 anni-  e il fratello Alex.
Il  HYPERLINK "http://www.dailystar.co.uk/news/view/203012/Amy-Winehouse-s-father-had-already-written-his-farewell-speech-/" \t "_blank" Daily Star scrive che i genitori della cantante si aspettavano una fine tragica da almeno quattro anni. Nel settembre del 2007, quando la Winehouse andò in overdose, il padre preparò il discorso funebre e la madre prese una lapide al cimitero. «Ho visto mia figlia uccidersi lentamente – ha dichiarato mamma Janis – e sono scesa a patti con la sua morte tanto tempo fa».  Una figlia disperata, dice.

Per comprendere Amy Winehouse vanno tradotte le parole delle sue canzoni. Ad esempio in “You Know I'm No Good” diceva:"Ho tradito me stessa, come sapevo avrei fatto, ti ho detto che avevo dei problemi, sai che non sono brava".  Amy, scriveva le parole e si rivelava cantando, come gli scrittori amano raccontare se stessi, anche in libri non autobiografici, riproducendo parti di se nei personaggi.

Noi, in fondo, non facciamo la stessa cosa? Ci commuoviamo per la disperazione di chi se ne va così giovane, infischiandosene di successo, danaro e applausi, proprio perché troviamo in quell’essere umano qualcosa di universale che ci appartiene. Non siamo accomunati tutti da un sottile, inesplicabile, contagioso, mal di vivere?  Comprenderlo significa andare alla ricerca di soluzioni possibili.


Amy Winehouse – I know i’m no good

Ti ho incontrato al piano inferiore del bar 
e ferito, ti sei alzato le maniche della tua t-shirt 
e hai detto 'cos'hai fatto con lui oggi?' 
e mi hai fiutato come se fossi del Tanqueray* 
perchè sei il mio ragazzo, il mio partner, 
dammi la tua stella e vola 
da quando sarò fuori la porta 
piangi come se fossi Roger Moore 

ho tradito me stessa 
come sapevo avrei fatto 
ti ho detto che avevo dei problemi 
sai che non sono brava 

al piano di sopra a letto con il mio ex ragazzo 
lui è arrivato a quel punto ma io non riesco a 
provare piacere perchè penso a te 
nell'agonia finale, questo accade quando 
il segnale acustico mi si attiva 
corro fuori per incontrarti, patate e pane azzimo 
dici 'quando ci saremo sposati' 
perchè non sei amareggiato 
'lui non ci starà più tra i piedi' 
ho pianto per te sul pavimento della cucina 

ho tradito me stessa 
come sapevo avrei fatto 
ti ho detto che avevo dei problemi 
sai che non sono brava 

dolce incontro, Giamaica e Spagna, 
siamo di nuovo com'eravamo 
sono nella basca, tu sei sulla sedia 
ti lecchi le labbra mentre io 
metto a bagno i miei piedi 
poi tu noti che il tappetino brucia 
il mio intestino cede e 
mi si rivolta lo stomaco 
tu scrolli le spalle ed il peggio è 
che hai impugnato il coltello per primo 

ho tradito me stessa 
come sapevo avrei fatto 
ti ho detto che avevo dei problemi 
sai che non sono brava 

ho tradito me stessa 
come sapevo avrei fatto 
ti ho detto che avevo dei problemi 
sai che non sono brava


Video


Amy Winehouse - You Know I'm No Good Live di lololapecheuse2nd

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Non è semplice farsi amare

Mi perdo in questo parlare di voci insolenti di me che sono il loro ultimo pensiero.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]