Domenica, 30 Luglio 2017 11:34

Teatro Marconi. “I volti di Faust”, sperimentazione ardita. Recensione

Scritto da

ROMA - L’ardita sperimentazione al Teatro Marconi con l’allestimento de “I volti di Faust” un progetto originale tratto dalle opere di  Spies, Marlowe e Goethe, ha  alcuni punti deboli: troppo lunga l’introduzione durante la quale si sono lasciati all’aperto in piedi gli spettatori, tra cui molti anziani che verso la fine  “caracollavano”.

La compagnia Abraxa, composta da giovani attori sotto i 35 anni, ha utilizzato come scenografia l’ambiente urbano che circonda il Teatro Marconi: palazzi, piazzali, scale antincendio eliminando i posti a sedere e coinvolgendo il pubblico per renderlo parte integrante dell’Opera. Sostenuto il ritmo dei cambi di scena, realizzati attraverso l’ideazione di spazi scenici configurati per evocare il cosmo di ritmi e di emozioni suscitati dai testi rappresentati.

Uno degli elementi narrativi originali di questa nuova produzione di spettacolo dal vivo, è l’ascolto dei pensieri di Faust da parte degli spettatori presenti. Il personaggio di Faust non parla, le sue riflessioni e le sue risposte sono udite tramite casse acustiche che imprimono alla voce registrata di Faust l’effetto di un pensiero ascoltato quasi di nascosto dal pubblico. Il Coro è un elemento portante dell’allestimento, un vero e proprio terzo personaggio principale della narrazione dopo Faust e Margherita. Un coro che si muove tra palazzi e pubblico, che compare e scompare, che fa sentire la sua imperiosa voce. Infatti si ribellerà al ruolo di comprimario narrativo e si arrogherà il diritto di interpretare i personaggi principali, tranne Faust e Margherita, di cui a volte diverrà il “doppio” in scena. Questa alternanza di presenze dà incisività alle personalità complesse dei pèrsonaggi, offrendo sfaccettature e comportamenti diversi in relazione allo sviluppo della narrazione.

“Questo progetto è stato realizzato con l’intento di proporre una nuova opera che contenga elementi e circostanze drammaturgiche tratte dai tre autori citati, per coniare una nuova unità stilistica che non sia più appartenente alle epoche degli scrittori sopra menzionati, ma si trasfiguri in un linguaggio unitario, antico ma efficacemente contemporaneo.”

Come si vede una promessa molto intrigante, ma il consiglio amichevole di Dazebao è quello di mettere meglio a punto l’intera struttura perché il rischio è la sperimentazione, utile e ambiziosa, alla fine non decolli. E sarebbe un peccato.

Prossima rappresentazione:

Venerdì 1 settembre 2017, ore 22:00 Giardino degli Aranci (Aventino)

all’interno di Improvvisi Urbani 23°Festival Internazionale del Teatro Urbano. 

Spettacolo itinerante presso gli spazi aperti del Giardino degli Aranci di Roma.

I Volti di Faust

Drammaturgia, testo e regia di Emilio Genazzini

 

Sam Stoner

Scrittore

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077