Lunedì, 23 Ottobre 2017 18:52

Cinema. “Il palazzo del Viceré”, la divisione tra India e Pakistan e il suo prezzo di sangue. Recensione

Scritto da

A seguito della decisione di restituire l’indipendenza all’India, nell’estate del 1947 gli inglesi incaricarono per la delicata transizione verso l’autonomia Lord Mountbatten che, nella veste di Viceré, dovette gestire il conflitto fra induisti, musulmani e sikh, i quali nonostante gli insegnamenti di Ghandi, si rifiutavano di convivere pacificamente. Il Viceré non riuscendo a mediare, fu spinto alla cosiddetta "Partition" fra India e Pakistan: una separazione dolorosissima per milioni di famiglie incluse le 500 persone a servizio nella sua immensa dimora.

Le scene girate nel palazzo, con personaggi che lo spettatore sente vicini, sono le più toccanti: individui affettivamente legati si vedono dividere secondo l’etnia e il culto, contro i loro desideri. Tutte le autorità sembrano non consapevoli del prezzo che la popolazione avrebbe pagato per tale iniziativa, ad eccezione del Mahatma Gandhi.

“Il palazzo del Viceré”, il cui titolo originale è PARTITION, racconta il costo umano per l’istituzione di una frontiera voluta in funzione degli interessi strategici ed economici delle grandi potenze, cosa che provocò una migrazione biblica.  Nel film s’inserisce una storia d’amore, che non sembra invenzione della Chada, anche perché, lo dicono i titoli di coda, il film è stato un modo di rendere omaggio alla famiglia d’origine. La nonna della regista fu una delle superstiti al massacro, una delle pochissime a ritrovare i congiunti. Portando sullo schermo la sofferenza dei suoi antenati, Gurinder Chada ha ritratto la storia di quattordici milioni di rifugiati.

Certi critici ritengono il film di parte ma, di là della precisione di alcuni fatti storici, intento della regista è la denuncia degli interessi alla base della “Partition” e la scelta innaturale di dividere un Paese unico. Di fatto un film contro l’assurdo delle frontiere e la non accettazione del diverso.

  • GENEREBiograficoDrammaticoStorico
  • ANNO2017
  • REGIAGurinder Chadha
  • ATTORIHugh BonnevilleGillian AndersonManish DayalOm PuriMichael GambonDenzil SmithSimon CallowDavid Hayman
  • PAESE: Gran Bretagna, India, Svezia
  • DURATA: 106 Min
  • DISTRIBUZIONE: Cinema srl
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

Poesia

L'anima oziosa

Nell’anima mia infingarda si annida insaziabile l’orda sfrenata dei desideri.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Isabella, in una mattina d'estate confina di tempesta

Ad Isabella Viola morta di fatica a dicembre 2012 nella stazione Termini di Roma

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Coaching Cafè

Coaching: cosa potenzia le probabilità di superare una sfida personale?

Se stai leggendo queste poche righe, forse è perché stai riponendo attenzione a tematiche legate alla crescita personale, forse ti stai ponendo un nuovo obiettivo, forse stai pensando di attuare...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

L'angolo dei classici

Opinioni

Donna: sinonimo di genio e creatività

Non solo Rita Levi di Montalcini o Frida Kahlo, scienziate di fama o celebri artiste:ci sono donne altrettanto geniali ma meno conosciute alle quali dobbiamo comunque  grazie, a cominciare da...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Terzo Congresso Nazionale ISCCA: "THE FUTURE FLOWS"

Il terzo Congresso Nazionale dell’ISCCA (Società Italiana per l’Analisi Citometrica Cellulare) sarà ospitato quest’anno a novembre nella splendida cornice romana, nel centralissimo quartiere Prati, a pochi passi dalla Città del...

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077