Mercoledì, 08 Novembre 2017 15:38

Teatro Manzoni. “Bluff – Niente è come sembra”. Da vedere. Recensione

Scritto da

ROMA - Al Teatro Manzoni è di scena una simpatica commedia, scritta da Cinzia Berni e Diego Ruiz, interpretata dagli stessi, con Giorgia Trasselli e Carlo Alighiero, che ne ha curato anche l’adattamento e la regia. Stiamo parlando di “BLUFF - Niente è come sembra”. Una commedia concepita e scritta all’insegna dell’adagio popolare “l’apparenza inganna”.

Nella storia, infatti, si susseguono una serie di colpi di scena, studiati proprio per ribaltare l’essenza di ciò che “sembra”; una realtà illusoria dietro la quale quasi sempre si nasconde (o si può nascondere un’altra realtà, ovvero un’altra verità). Filo conduttore che diventa di per sè anche il messaggio intrinseco da trasmettere al pubblico. Insomma, mai fermarsi alle apparenze, ma cercare di approdare alla verità nascosta, anche se, alle volte, questa verità può rivelarsi scomoda o imbarazzante... Beh, altro non possiamo svelare, per non togliere il piacere il piacere di assistere allo spettacolo,ambientato in Romagna, per l’esattezza a Civitella, con tanto di valzer, fisarmonica e ballo liscio! 

Olga, una simpatica signora romagnola, si guadagna da vivere coltivando funghi e affittando stanze a gente che viene da fuori città. Ad esempio Silvia, una improbabile poliziotta romana trasferita a Civitella; oppure Leone, timido professore di matematica. Un bel giorno la signora Olga si vede piombare in casa Antonio, un fratello dalla dubbia vita e dalle frequentazioni poco pulite: giocatore d’azzardo, spacciatore e così via. Purtroppo Antonio ne ha combinata una grossa e in casa della sorella (con cui sono in essere vecchi rancori) pensa di essere al sicuro da una banda di delinquenti che lo cerca attivamente. Tutto sembra essere avviato a concludersi in un certo modo, quando una inattesa aggressione a Leone mette in moto una serie di meccanismi a catena, per cui le parti e le situazioni si capovolgono continuamente; fino alla fine, inattesa e impensabile. La commedia è piacevole e scorre bene, fino alla sua conclusione. Gli attori sono bravi: Giorgia Trasselli (Olga) è straordinaria nel proporre ritmi serrati e comiche accelerazioni, Carlo Alighiero (Antonio) è come sempre elegante e sicuro nel suo classico à plomb, Cinzia Berni (Silvia) è disinvolta e frizzante, mentre Diego Ruiz (Leone) risulta convincente ed elegante. Gradevole e accurata la regia realizzata dallo stesso Carlo Alighiero.  

Nel complesso, abbiamo assistito a uno spettacolo gradevole, che si segue volentieri, nonostante qualche piccola lentezza nel testo: ma tutto sommato, il pubblico gradisce e segue con interesse, fino alla conclusione, caratterizzata da un happy end, come si conviene a una commedia brillante, anche se il lieto fine diventa addirittura rocambolesco!  Uno spettacolo che vale la pena andare a vedere, per passare una serata distensiva e in allegria. 

 

fino al 19 novembre 2017

Teatro Manzoni

Via Monte Zebio 14/c - Roma

Info: tel. 06.3223634 - www.teatromanzoni.info 

Salvatore Sciré

Giornalista e autore teatrale

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: Siamo pronti ad affrontare lo tsunami digitale?

Siamo nel pieno delle sfide del mondo 4.0, una rivoluzione non solo industriale, ma anche personale e professionale.

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La Magia del Coaching e l’Expecto Patronum!

Facendo seguito ad una serie di considerazioni lette sulle riviste, fatte da alcuni personaggi del mondo dello spettacolo, indicative di tanta confusione sul contesto del coaching, colgo questa occasione come...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077