Mercoledì, 29 Novembre 2017 19:01

Teatro Manzoni. “Lilly la vagabonda”, una commedia davvero sui generis

Scritto da

ROMA - Al Teatro Manzoni è in scena una commedia molto interessante, scritta da un autore statunitense,  A.R.Gurney, dal titolo Lilly la vagabonda. L’elemento focale, infatti, è costituito dalla peculiarità che il ruolo della cagnetta Lilly debba essere interpretato da un’attrice.

Quindi non una semplice “comparsata”, ma un vero e proprio personaggio, che dialoga, agisce e reagisce, esprime pensieri ed emozioni; insomma, una “cagnetta” resa persona, pur camminando a quattro zampe e portata al guinzaglio dal suo amico a... due zampe! Sicuramente questa presenza surreale dà un tocco di originalità a tutto il lavoro, che, grazie anche allo spessore del cast e alla puntuale regia, risulta particolarmente pregevole e divertente. 

Giorgio in un parco trova una cagnetta randagia, probabilmente abbandonata: fra i due è amore a prima vista, ma una volta arrivati a casa, Lilly trova grande avversione da parte di Carla, la moglie. Giorgio dimostra troppo affetto nei confronti di Lilly, al punto di trascurare la moglie e il lavoro. Insomma, il rapporto di coppia, già in crisi, rischia così di degenerare. A questo punto entrano in campo altri personaggi: Tom, il proprietario di Casanova (bell’esemplare canino con cui   Lilly si concederà un momento di... follia); il quale Tom ne consiglia la sterilizzazione; Beatrice, una vecchia amica di famiglia, che non ama particolarmente gli animali; Andrea, uno psicoterapeuta che consiglia a Carla addirittura di divorziare. Insomma, i rapporti tra marito e moglie peggiorano sensibilmente: infatti, Carla vede Lilly quasi come una rivale in amore: una strana forma di gelosia affettiva diventa una barriera difficile da superare. La soluzione arriverà purtroppo con la morte di Lilly: e solo allora Carla capirà tante cose, in particolare comprenderà che un cane, Lilly in questo caso, può essere fonte di amore anche verso il prossimo. Insomma, una metafora ed un messaggio positivo arrivano con la conclusione. 

Come si diceva, il testo è sicuramente molto acuto ed intelligente, pur nella sua prevedibilità: pieno di ironia, di umorismo diffuso, di iperboli della logica che si materializzano nei dialoghi tra Lilly e Giorgio. Il cast è altretanto valido: Pietro Longhi è molto bravo nel dare vita al personaggio di Giorgio, elegante e sensibile; Rita Forte ci regala un’originalissima interpretazione di Lilly: cammina a quattro zampe, salta, corre, scodinzola; anche con la mimica facciale imita gli atteggiamenti canini. Veramente meritevole di plauso! Anche Milena Miconi non è da meno nel ruolo di Carla, moglie decisa a tutto (anche a trasferirsi in Australia!!!).  E infine, une speciale menzione va a Riccardo Castagnari  il quale interpreta ben tre ruoli (Tom, Beatrice e Andrea), rivelando notevoli capacità di trasformismo attoriale. Da evidenziare anche un bel duetto canoro di Rita Forte e Pietro Longhi, che emozionano la platea cantando Unforgettable (un classico di Nat King Cole). 

Elegante e puntuale la regia di Maria Cristina Gionta, che ha saputo imprimere a tutto il lavoro i ritmi giusti, curando la costruzione dei personaggi. Belle le scenografie di Lollozolloart, che grazie all’uso di pannelli mobiloi consentono di passare da un ambiente chiuso ai giardini pubblici dove scorrazzano i cani.  Nel complesso, uno spettacolo gradevole, che emoziona e fa riflettere.   Vale la pena di vederlo. 

Salvatore Sciré

Giornalista e autore teatrale

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077